Non è vero che una bambina della provincia di Pordenone è deceduta a causa del vaccino - Facta
TOP

Non è vero che una bambina della provincia di Pordenone è deceduta a causa del vaccino

Il 30 novembre 2021 su Facebook è stata pubblicato un post che mostra una foto di una bambina accompagnata da un testo in cui si legge: «La piccola Giorgia Furlan uccisa dal siero sperimentale È ufficiale: è di Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone, la prima vittima di vaccino. Questo GOVERNO ASSASSINO deve pagare! ….e ovviamente i media TACCIONO! giù le mani dai bambini!!!». 

Si tratta di una serie di notizie false. Andiamo con ordine.

La foto contenuta nel post oggetto di verifica non mostra una bambina di nome Giorgia Furlan. L’immagine mostra in realtà una bambina di nome Evelyn Cretier che nel 2020 ha recitato in un film, come si può verificare qui, qui e qui

Il Sindaco di Sesto al Reghena, Marcello Del Zotto, ha smentito inoltre sulla pagina Facebook della cittadina che una bambina residente nel Comune del Friuli-Venezia Giulia sarebbe deceduta a causa del vaccino anti Covid-19. «Questa ignobile “fake news” – si legge nel comunicato – cita nome, cognome e addirittura la fotografia, di una minore, non iscritta all’Anagrafe della popolazione residente e non conosciuta a questi Uffici». L’Amministrazione comunale ha comunicato inoltre che «si riserva ogni azione nei confronti degli autori e di chiunque dovesse danneggiare l’immagine del nostro Comune».

Precisiamo infine che l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha approvato lo scorso 25 novembre il vaccino di Pfizer per i bambini tra 5 e 11 anni. In Italia, tuttavia, ad oggi non è ancora iniziata la campagna di somministrazione dei vaccini anti-Covid ai bambini di età compresa tra i 5 anni e gli 11 anni. 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp