Sì, la foto del battaglione Azov con la bandiera nazista potrebbe essere stata modificata (ma dal suo stesso autore) - Facta
TOP

Sì, la foto del battaglione Azov con la bandiera nazista potrebbe essere stata modificata (ma dal suo stesso autore)

Il 15 marzo 2022 la redazione di Facta ha ricevuto una segnalazione che chiedeva di verificare l’autenticità di un’immagine che mostra alcuni soldati in posa con alle spalle tre bandiere. 

La prima da sinistra è la bandiera della Nato (North Atlantic Treaty Organization, Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord, ovvero l’organizzazione intergovernativa per la collaborazione nel settore della difesa che conta oggi 30 membri). La bandiera al centro rappresenta l’emblema del battaglione Azov, un reparto militare ucraino di ispirazione neonazista, nato come milizia volontaria e dal 2015 inquadrato nella Guardia nazionale dell’Ucraina, la componente di riserva delle forze armate di Kiev. La bandiera a destra è invece quella della Gioventù hitleriana, l’organizzazione giovanile del partito nazionalsocialista tedesco. 

L’immagine oggetto della segnalazione contiene segni di modifica, ma è stata pubblicata sui social network da uno dei militari in posa. Andiamo con ordine. 

La fotografia è stata pubblicata originariamente sul social network russo VKontakte (Vk) da Oleg Pyenya, un membro del battaglione Azov che sul suo profilo personale fa frequentemente sfoggio di simbologia neofascista e neonazista. Benché non sia più disponibile sul suo profilo, Pyenya ha pubblicato la foto il 18 novembre 2014, identificandosi nella seconda persona in alto a destra (quella che imbraccia il fucile). 

Nonostante il contenuto sia stato rimosso, le sue tracce sono ancora presenti su Vk.

La voto oggetto della nostra verifica, pubblicata originariamente su Vk

La fonte originale della fotografia è dunque uno dei militari in posa, particolare che non ne conferma totalmente l’autenticità, ma che chiarisce senz’altro la matrice ideologica del contenuto.

L’immagine presenta tuttavia alcuni segni di manomissione. Per verificarlo abbiamo sottoposto la foto originale a Fotoforensics, uno strumento di analisi fotografica in grado di indicare l’eventuale modifica di immagini digitali, che ha segnalato alcune anomalie riguardanti i contorni della bandiera nazista (la svastica appare più definita rispetto al resto della foto).

Il confronto offerto da Fotoforensics

Non si tratta di un’analisi conclusiva, ma tale indicazione è stata confermata nel 2014 su Twitter da Neal Krawetz, ricercatore forense e creatore di Fotoforensics, che utilizzando alcuni strumenti a disposizione del suo programma (qui e qui) ha giudicato «falsa» la bandiera nazista.

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (5)

  • Cincinnatus

    Ma quale falsa , lo ammettono pubblicamente che sono nazisti …. A me la foto sembra autentica e anche a mia moglie ( esperta in post-produzione fotografica)

    reply
    • Facta

      Buongiorno, la foto a noi risulta modificata. La parte “interessante” è che con buona probabilità è stata aggiunta proprio da uno dei soldati presenti nella foto.

      reply
      • Runa83

        Buongiorno, la foto falsa non è la bandiera con la svastica, ma quella del reggimento azov. Nella foto reale sono affiancate 3 bandiere: bandiera della Nato, bandiera novorossa, bandiera con la svastica. Il motivo per cui la bandiera novorossa è stata modificata e sostituita con quella del reggimento azov andrebbe chiesto all’autore

        reply
        • Facta

          Buongiorno, ha modo di inviarci la foto originale a cui fa riferimento?

          reply
  • Luca

    Bhe che dire oltre ad essere un militare codardo…toglie la foto, sarebbe un ottimo ritoccatore di foto, un professionista direi, sembra proprio una bella storia….

    reply

Lascia un commento

× WhatsApp