Il video della "polizia italiana che arresta chi viola il lockdown" non ha niente a che fare con la polizia italiana, né con il lockdown - Facta
TOP

Il video della “polizia italiana che arresta chi viola il lockdown” non ha niente a che fare con la polizia italiana, né con il lockdown

Il 23 marzo tra gli utenti indiani di TikTok è iniziato a circolare il video di un arresto particolarmente violento, su cui compaiono le frasi in inglese «quando l’Italia dice lockdown, non scherza affatto» e «dovremmo fare la stessa cosa anche in India». 

Le immagini mostrano un agente in pettorina gialla che punta la pistola contro un uomo apparentemente disarmato e poco disposto a collaborare. La situazione di stallo viene risolta dall’arrivo dei rinforzi, con un secondo agente che atterra l’uomo utilizzando un calcio da dietro.

Il filmato è stato ricondiviso su Facebook e Twitter, acquisendo una discreta popolarità grazie al tweet dell’attore indiano Rishi Kapoor, che lo ha esposto a una platea potenziale di 3,4 milioni di follower con la didascalia «we need this discipline» («abbiamo bisogno di questa disciplina») ottenendo complessivamente 785mila visualizzazioni. 

Nonostante il video sia reale e mostri, quindi, un fatto di cronaca realmente accaduto, l’arresto non è avvenuto in Italia, non coinvolge la polizia italiana e non ha nulla a che fare con la gestione dell’emergenza Covid-19.

Il filmato mostra un’operazione di polizia eseguita a San Paolo (Brasile) e secondo quanto ha riportato il 23 marzo 2020 Globo, uno dei principali media del Paese, è attualmente al vaglio degli inquirenti per un possibile eccesso di violenza nella risposta degli agenti. 

L’uomo arrestato, in ogni caso, non è stato fermato per violazione del lockdown (che in Brasile non è stato attivato, per decisione del presidente Jair Bolsonaro) ma perché sorpreso a brandire un coltello in stato di coscienza alterato (come si può notare nel video completo, pubblicato su Twitter da Nelson “Tenente” Santini, consigliere di Campinas e ufficiale di polizia)

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp