No, gli «attivisti ucraini» non hanno incollato degli adesivi anti-russi ad Auschwitz - Facta
TOP

No, gli «attivisti ucraini» non hanno incollato degli adesivi anti-russi ad Auschwitz

Il 24 giugno 2022 su Facebook è stata pubblicata un’immagine che mostra un adesivo rosso, bianco e nero con l’illustrazione di un teschio, su cui si legge la frase in lingua inglese: «Russia e russi, l’unico gas che voi e il vostro Paese meritate è lo Zyklon B». L’immagine è accompagnata da un commento, scritto dall’autore del post, che recita: «”Attivisti ucraini” hanno incollato adesivi intorno ad Auschwitz con la scritta: “L’unico gas che i russi meritano è lo Zyklon B”. Stiamo parlando del gas velenoso, che veniva usato dai nazisti nelle camere a gas. Gli adesivi sono apparsi esattamente il 22 giugno. Ricordiamo che Auschwitz fu liberato dall’Armata Rossa».

Si tratta di una notizia falsa.

Innanzitutto, lo Zyklon B è una sostanza pesticida inizialmente utilizzata per eliminare gli insetti, che a partire dall’estate del 1941 fu utilizzata ad Auschwitz per uccidere i prigionieri del campo di concentramento e i prigionieri di guerra sovietici. Dal 1942 lo Zyklon B è stato regolarmente utilizzato a Birkenau per uccidere i prigionieri ebrei nelle camere a gas.

La presenza di adesivi anti-russi nell’area dell’ex campo di concentramento è stata smentita dal Memoriale di Auschwitz, che su Twitter ha parlato di immagini «manipolate per essere utilizzate in una propaganda primitiva e grossolana». In un comunicato più esteso, l’istituzione che si occupa di preservare la storia dell’Olocausto ha spiegato che «nessun incidente del genere è stato segnalato al Memoriale» e che «nessun adesivo del genere è stato trovato nei luoghi raffigurati dalle immagini». Un portavoce del museo ha inoltre raccontato ai colleghi di Reuters che le telecamere di sicurezza non mostrano qualcuno che fissava degli adesivi nel mese di giugno 2022, né nei mesi precedenti.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp