Questi rettangoli colorati non indicano gli ingredienti del dentifricio - Facta
TOP

Questi rettangoli colorati non indicano gli ingredienti del dentifricio

Il 7 settembre 2022 è stata pubblicata una foto su Twitter che mostra tre tubetti di dentifricio con delle piccole barre colorate all’estremità della confezione, cerchiate per essere messe in evidenza. Lo scatto è accompagnato da un commento secondo cui i colori delle barre sarebbero collegati alla composizione chimica del dentifricio, aggiungendo: «Verde: tutto naturale. Blu – Medicinali Naturali. Rosso – Sostanze chimiche naturali. Nero – tutti prodotti chimici».

Si tratta di una notizia falsa.  

Le barre colorate sulla confezione non indicano quali ingredienti sono presenti nel dentifricio ma servono per motivi di produzione. Come chiarito da Colgate, azienda che produce una vasta gamma di prodotti per l’igiene orale, questi segni indicano «ai sensori di luce dove si trova la fine del tubetto, in modo che possa essere tagliato e sigillato correttamente».

Infatti, il termine tecnico per questi segni è “eye mark” e servono sia per assicurare l’allineamento delle due facce della confezione su cui vengono stampati, sia per indicare alla macchina per il riempimento e la sigillatura dove tagliare il prodotto.

Secondo Healthline, sito Web americano che fornisce informazioni mediche e sanitarie, queste barre colorate «non si limitano al verde, al blu, al rosso e al nero», bensì colori differenti sono utilizzati su diversi tipi di imballaggi o con diversi sensori e macchine.

Per quanto riguarda gli ingredienti, invece, l’American dental association (Ada), che si occupa di divulgare la ricerca sulla salute orale, ha dichiarato che «tutti i dentifrici contengono le stesse componenti generali», tra cui ingredienti leggermente abrasivi, detergenti e agenti aromatizzanti. In ogni caso, per conoscere quali sono le sostanze contenute nel dentifricio, è sufficiente leggere quanto riportato sulla confezione, dove vengono indicati tutti gli ingredienti.

Atri siti di fact-checking si sono occupati di questo caso di disinformazione (qui e qui).

Clicca qui per iscriverti alla newsletter gratuita di Facta
Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro 
 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp