È falso dire che la sicurezza e l’efficacia dei vaccini anti-Covid non sono state testate - Facta
TOP

È falso dire che la sicurezza e l’efficacia dei vaccini anti-Covid non sono state testate

Aggiornamento 19 ottobre 2022: La redazione di Facta ha spiegato in maniera più dettagliata come funzionano le quattro fasi di studio clinico dello sviluppo e della commercializzazione di un vaccino, in questo modo: «Un vaccino, come qualunque altro farmaco, viene approvato e messo in commercio al termine di tre fasi di studio clinico necessarie per verificarne la sicurezza e l’efficacia e di norma la fase successiva inizia solo quando la precedente è stata completata con successo. Una volta distribuito, inizia una quarta fase che include la sorveglianza attiva dei possibili eventi avversi del vaccino».

Il 18 ottobre 2022 la redazione di Facta ha ricevuto diverse segnalazioni che chiedevano di verificare un post del giorno prima contenente lo screenshot di un avviso di Facebook in cui si legge che «i vaccini anti COVID-19 vengono sottoposti a numerosi test di sicurezza ed efficacia prima di essere approvati». Nella stessa immagine si legge che la fonte di questo testo è l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).  Nello screenshot, sopra questo avviso, compare la scritta «Falso!». Secondo il post in questione, quindi, non sarebbe vero che i vaccini contro la Covid-19, prima di essere approvati, sono stati sottoposti a test per valutarne sicurezza ed efficacia.

Si tratta di un contenuto che veicola una notizia falsa. Andiamo con ordine.

A marzo 2021, Meta, società proprietaria di Facebook, ha annunciato che avrebbe aggiunto un’etichetta con le informazioni provenienti dall’Oms sui post Facebook e Instagram che parlavano di vaccini anti-Covid. Meta scriveva che, ad esempio, sotto ai post che discutevano della sicurezza dei vaccini contro il nuovo coronavirus Sars-CoV-2 sarebbero comparsi in automatico avvisi per indicare che «i vaccini Covid-19 vengono sottoposti a test di sicurezza ed efficacia prima di essere approvati».

Quanto scritto da Meta nella sua etichetta corrisponde al vero. Come spiegavamo in un precedente articolo su Facta, un vaccino, come qualunque altro farmaco, viene approvato e messo in commercio al termine di tre fasi di studio clinico necessarie per verificarne la sicurezza e l’efficacia e di norma la fase successiva inizia solo quando la precedente è stata completata con successo. Una volta distribuito, inizia una quarta fase che include la sorveglianza attiva dei possibili eventi avversi del vaccino. Nel corso dell’attuale pandemia si è risparmiato molto tempo eseguendo alcune fasi in parallelo, senza però comprometterne gli standard di qualità, sicurezza ed efficacia.

La Fda (Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici), prima di dare il via libera alla somministrazione di massa dei vaccini anti-Covid, ha comunicato di «aver valutato i dati presentati dai produttori dei vaccini sulla sicurezza e l’efficacia» dei prodotti, di aver «condotto le proprie analisi» e stabilito che il vaccino soddisfaceva i criteri di emissione previsti dalla legge statunitense. 

Anche l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha spiegato che i vaccini anti-Covid approvati per le campagne di vaccinazione sono stati prima testati «in studi chiamati sperimentazioni cliniche» che «aiutano a confermare il funzionamento dei vaccini e, soprattutto, a valutarne la sicurezza e l’efficacia protettiva». Sempre l’Ema ha precisato che «i vaccini Covid-19 possono essere approvati e utilizzati solo se soddisfano tutti i requisiti di qualità, sicurezza ed efficacia stabiliti dalla legislazione farmaceutica dell’Ue». 

Clicca qui per iscriverti alla newsletter gratuita di Facta
Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro 
 

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (16)

  • Giovanni Truddaiu

    Allora scrivetelo alla Rappresentante della Pfizer che lo ha dichiarato in assemblea dietro precisa domanda. Rispondendo che i vaccini non sono MAI STATI TESTATI.
    Grazie

    reply
  • Michele

    Il falso lo riportate voi perchè al parlamento europeo la manager della Pfizer ha ammesso che i vaccini non sono stati testati tra l’altro è riportato anche sulla carta stampata LA VERITÀ è su altri giornali

    reply
  • Carlo Palumbo

    Vi rendete conto che, dopo che la Pfizer stessa ha ammesso al parlamento europeo che non hanno testato i loro vaccini anticovid per la trasmissibilità del virus, quello che OMS, EMA, tutti i governi e voi stessi affermate è falso?

    reply
  • Wallace&Gromit

    È corretto dire che i farmaci sono immessi sul mercato al termine di tutte e quattro le fasi? Mi risulta che la quarta fase sia quella di farmacovigilanza, che avviene dopo l’immissione sul mercato.

    reply
    • Facta

      Buongiorno, grazie della segnalazione, abbiamo aggiunto una spiegazione più dettagliata nell’articolo.

      reply
  • Fidalma

    La Pfizer stessa ha ammesso che nn sono stati testati. Chi è adesso il falso? Siete da mettere in carcere e buttare via la chiave con tutte le falsità che propinate o meglio imponete alla gente. Fate schifo!!!

    reply
  • FABRIZIO

    allora e’ PFIZER CHE MENTE!

    reply
  • Alfio

    È vero che siete pagati da facebook (Metà)?

    reply
    • Facta

      Buongiorno, puoi trovare tutte le informazioni nella sezione Chi siamo del nostro sito

      reply
  • Giovanni Zanella

    Vergognatevi. Indipendenti da chi? Dalla verità?
    Non c’è nessuno studio al mondo sulla sicurezza, soprattutto su bambini e donne incinte. La sperimentazione finirà nel 2024 e i dati saranno disponibili tra 70 anni. E lo dicono le stesse farmaceutiche.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giovanni, ci potrebbe indicare le fonti delle sue affermazioni?

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp