TOP

La fotografia del migrante con le cuffie e gli occhiali da sole è reale e si riferisce a un salvataggio nel Mediterraneo del 2018

Aiutaci a migliorare Facta!
Partecipa al nostro breve sondaggio (servono 5 minuti), del tutto anonimo.
Potremo conoscere meglio il nostro pubblico, migliorare quello che facciamo e come lo facciamo.
CLICCA QUI PER INIZIARE

Mercoledì 8 luglio la redazione di Facta ha ricevuto una segnalazione via WhatsApp che chiedeva di verificare le informazioni contenute in un’immagine, pubblicata su Facebook il 2 luglio 2018 dalla pagina Eclissi Sociale e tornata a circolare in queste ore, che ritrae quello che appare come migrante, munito di giubbotto di salvataggio arancione, occhiali da sole neri e cuffie al collo. Il testo che accompagna l’immagine su Facebook recita «Questo è scappato dalla guerra ascoltando musica …».

L’immagine oggetto di verifica è reale ed è tratta da un salvataggio nel Mediterraneo operato dalla Ong spagnola Open Arms il 30 giugno 2018.

La fotografia originale è stata pubblicata lo stesso 30 giugno 2018 sull’account Twitter di Open Arms, dopo un salvataggio di 59 migranti (di cui 4 minori) partiti dalla Libia. La persona ritratta nell’immagine è uno dei naufraghi tratti in salvo, come testimonia il giubbotto arancione fornito da Open Arms e indossa occhiali da sole e cuffie. 

Testimone dell’operazione di salvataggio è stata l’allora eurodeputata di Gue-Ngl (Sinistra unitaria europea) Eleonora Forenza, che con altri tre colleghi spagnoli – tra i quali il socialista Javi Lopez, autore di questa foto che mostra le condizioni di viaggio dei migranti intercettati – era a bordo della Astral, nave della Ong spagnola che seguiva Open Arms in quel momento nella zona Sar al largo della Libia. 
Il salvataggio è avvenuto nel pieno del braccio di ferro tra l’allora ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini e quello maltese, Michael Farrugia, accusato di non rispondere alle richieste di soccorso provenienti dalla sua zona di competenza, e a meno di 24 ore dalla tragedia che il 29 giugno 2018 ha portato alla morte di 100 migranti nel Mediterraneo.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp