Questa rissa a Vienna non è stata scatenata da ucraini per motivi politici - Facta
TOP

Questa rissa a Vienna non è stata scatenata da ucraini per motivi politici

Il 7 agosto 2023 la redazione di Facta.news ha ricevuto una segnalazione via WhatsApp che chiedeva di verificare un video pubblicato il 29 maggio 2022 su Facebook. Il filmato, della durata di 30 secondi, mostra sei persone prendersi a calci e pugni tra le macchine ferme in mezzo a una strada di città. Quattro di queste persone, poi, entrano nelle auto e ripartono, mentre una fugge a piedi e l’altra rimane distesa a terra. 

Secondo chi ha condiviso il contenuto la scena avrebbe avuto luogo a Vienna alcuni giorni prima, e sarebbero coinvolti due gruppi di persone ucraine «usciti improvvisamente dalle vetture» che avrebbero «picchiato a sangue 2 uomini». Questa scena, si legge ancora, sarebbe la prova che l’Europa sarà «naziucrainizzata».

Il riferimento è alla propaganda russa, utilizzata per giustificare l’invasione militare iniziata il 24 febbraio 2022, che descrive l’Ucraina come un Paese da «denazificare».

Il video è reale, ma è stato diffuso senza il suo reale contesto e veicola perciò una notizia falsa.

Come riportato dal quotidiano austriaco Heute, il 25 maggio 2022 è avvenuta una rissa sulla strada Kärntner Ring, a Vienna, di fronte all’hotel Bristol. Qui è possibile vedere il luogo preciso dell’accaduto, che coincide con la scena ripresa nel filmato oggetto della nostra analisi.

La polizia di Vienna, tramite un comunicato inviato via e-mail a Facta.news, ha chiarito che si è trattato di una rissa tra due tassisti e quattro uomini ucraini. Uno dei due tassisti, infatti, avrebbe chiesto all’autista di un veicolo con targa ucraina di liberare il parcheggio riservato ai taxi. A seguito di questa richiesta, c’è stata prima una discussione verbale, e poi un’aggressione fisica nei confronti dei due tassisti.

Dunque, come confermato dalla polizia di Vienna, «si può escludere un movente politico», al contrario di quanto suggerito nel post oggetto della nostra analisi.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp