Chi siamo - Facta
TOP

Che cos’è Facta.news?

Facta.news è un progetto che si occupa di contrastare la disinformazione e la circolazione di notizie false. Lo slogan «Scegli a chi non credere» sintetizza il nostro obiettivo: aiutare i lettori a capire quali notizie, tra quelle che circolano sui media o sui social network, sono false, decontestualizzate o imprecise.

Da marzo 2021 Facta.news è membro dell’International Fact-Checking Network (Ifcn), firmatario del suo Codice dei principi ed è una testata registrata presso il tribunale di Milano (n.56 dell’8 marzo 2021).

Facta.news è un progetto di The Fact-Checking Factory (TFCF) Srl (RE-296115, con statuto disponibile qui) che opera anche la testata di fact-checking politico Pagella Politica.

Proprio perché la disinformazione non è solo politica, la redazione di Facta.news allarga il campo di indagine dell’azienda a tutte le notizie false, qualsiasi sia il loro argomento.

Il progetto

Contrastiamo la disinformazione producendo contenuti di diverso tipo. La sezione “Antibufale” del nostro sito è dedicata agli articoli di debunking; in “Storie” è possibile trovare inchieste e approfondimenti; in “Articoli” sono raccolte rassegne e consigli utili sugli strumenti da utilizzare per una corretta informazione.

Gran parte del nostro lavoro è basato sulle segnalazioni degli utenti, indispensabili per monitorare le principali tendenze della disinformazione, in Italia e all’estero. Nella sezione del sito “Segnalazioni” i lettori possono suggerire la verifica di notizie o contenuti sospetti. 

Abbiamo un servizio WhatsApp interamente dedicato al contrasto della disinformazione: per utilizzarlo è sufficiente scrivere CIAO al numero WhatsApp 342 1829843. La redazione riceve le segnalazioni dei lettori anche sui propri canali social (Twitter, Facebook e Instagram) e via e-mail (segnalazioni@facta.news).

Facta.news ha una newsletter settimanale e Veramente, il nostro podcast, esce ogni venerdì. Abbiamo anche un canale Telegram

Finanziamenti 

TFCF Srl si sostiene principalmente attraverso attività di content providing (la vendita di contenuti e/o servizi a terzi) e tramite la partecipazione a bandi e progetti internazionali.

La società e i suoi dipendenti non ricevono denaro da partiti politici o da entità affiliate a partiti politici, non accetta regali da nessuna entità, al di fuori di eventuali gadget o beni e servizi di modesta entità, e mantiene completa indipendenza editoriale.

Nel 2021, il valore totale della produzione di TFCF è stato di 729.205 EUR, di cui le principali fonti di finanziamento per la società TFCF, cioè quelle che hanno pesato per più del 5% dei ricavi, sono state:

– progetti europei nell’ambito del fact-checking e della disinformazione, come l’European Digital Media Observatory (EDMO), il Social Observatory for Disinformation and Social Media Analysis (SOMA), l’Italian Digital Media Observatory (IDMO);

– progetti europei nell’ambito della media & information literacy (MIL), come SpottedFakespotting e Gen Z.

– Meta (Facebook), all’interno del Third-Party Fact-checking Program e della Health Fellowship: entrambi i programmi sono operati dalla redazione di Facta.news e non da Pagella Politica;

Meta (WhatsApp), all’interno di un programma che sostiene il numero per le segnalazioni di Facta.news;

– TikTok, all’interno di un programma per il contrasto alla disinformazione sulla piattaforma operato da Facta.news.

Altri progetti attualmente attivi per i quali abbiamo ricevuto un finanziamento nel 2020 o 2022 sono: lo European Fact-Checking Standards Network (EFCSN), Fakespotting, Google News Initiative Innovation Challenge (GNI), Spread the Facts Program di IFCN e un progetto finanziato da Stars Media Third Edition.

Come lavoriamo

Come lavoriamo

Per selezionare i contenuti da analizzare monitoriamo i temi che circolano su media, social network ed applicazioni di messaggistica. Oltre ad esaminare i contenuti segnalati dai nostri lettori tramite il servizio WhatsApp e la sezione del sito “segnalazioni”, utilizziamo strumenti che ci consentono di identificare temi o notizie virali.

Ci occupiamo esclusivamente di contenuti che si basano su fatti o numeri verificabili. Non analizziamo opinioni, messaggi privati, previsioni per il futuro e in generale tutto ciò che non si può confrontare con numeri o informazioni che provengono da fonti affidabili. Applichiamo per tutti i contenuti gli stessi standard di verifica. 

Citiamo sempre, attraverso numerosi link, le fonti su cui basiamo le nostre valutazioni, in modo che il lettore possa replicare facilmente il processo di verifica da noi eseguito ed eventualmente smentirlo nel caso in cui avessimo interpretato male i dati a disposizione.

Usiamo preferibilmente almeno due fonti per verificare le notizie, tranne nei casi in cui esiste un’unica fonte pertinente. Scegliamo fonti primarie, e nel caso in cui non siano disponibili, spieghiamo nell’articolo i motivi per l’uso di fonti secondarie. Valutiamo l’utilizzo di fonti anonime solo nel caso in cui rendere pubblici i nomi ne metterebbe a rischio la sicurezza.

I contenuti di debunking analizzati vengono ricondotti ad una delle seguenti categorie: Notizia falsa, Fuori contesto, Notizia vera, Immagine modificata, Notizia imprecisa, Notizia vecchia, Senza prove, Notizia satirica. 

Prima della pubblicazione, tutte le analisi vengono sottoposte a due cicli di revisione da parte di due fact-checker, oltre dell’autore originale, per individuare eventuali errori e imprecisioni.

I lettori sono invitati a segnalare errori, imprecisioni o inesattezze nei commenti sotto ai nostri articoli, tramite un messaggio diretto sulla nostra pagina Facebook o con una e-mail all’indirizzo segnalazioni@facta.news.

La redazione

Nessuno dei fondatori o dei membri dello staff fa parte di partiti e/o movimenti politici e non essere attivi in politica è uno dei requisiti per lavorare o collaborare con Facta.news, verificato durante il processo di selezione dei candidati. Per scoprire chi fa parte della redazione scorri in fondo a questa pagina.

Oltre alla verifica delle notizie

La redazione di Facta.news è impegnata nei seguenti progetti: 

HATEDEMICS (Hampering hate speech and disinformation through AI-based technologies to prevent and combat polarisation and the spread of racist, xenophobic, and intolerant speech and conspiracy theories, Ostacolare l’incitamento all’odio e la disinformazione attraverso tecnologie basate sull’intelligenza artificiale per prevenire e combattere la polarizzazione e la diffusione di discorsi razzisti, xenofobi e intolleranti e di teorie del complotto) è stato lanciato ad Aprile 2024 con l’obiettivo di contribuire a rafforzare le misure preventive e reattive contro l’incitamento all’odio e la disinformazione online a livello Europeo.

Facta è uno dei 13 membri del consorzio di progetto, che è coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler.

Maggiori informazioni sono disponibili a questa pagina, e sul sito ufficiale del progetto.

A Fuoco è una newsletter su clima e disinformazione. Ogni settimana esperti, divulgatori, giornalisti scientifici indagano un tema del dibattito legato alla crisi climatica.Il progetto è ideato e gestito da Facta.newsSlow News e Pagella Politica, tre realtà indipendenti italiane che si occupano di debunking, fact-checking e buona informazione.È stato lanciato nel settembre 2023 grazie a un finanziamento del European Media and Information Fund (EMIF) gestito dalla Calouste Gulbenkian Foundation.

La responsabilità di qualsiasi contenuto prodotto con il supporto di EMIF risiede negli autori/trici e non riflette necessariamente le posizioni di EMIF e dei partner del fondo, la Fondazione Calouste Gulbenkian e lo European University Institute (EUI).

Boosting Community Engagement Models for European Fact-Checkers è un progetto nato dalla collaborazione tra Facta.news e il progetto spagnolo Maldita.es. I due progetti di debunking sono impegnati nello studio delle migliori modalità di engagement del pubblico interessato al fact-checking, sperimentando in Italia strategie di provato successo in Spagna. Il progetto è finanziato da Stars4media

CdTCheck è una rubrica curata dalla redazione di Facta.news e pubblicata sul Corriere del Ticino online. Vengono affrontati temi che riguardano il fact-checking e la diffusione di notizie verificate. Il progetto è finanziato dal Corriere del Ticino.

EDMO (European Digital Media Observatory) è un progetto lanciato a giugno 2020 per supportare il lavoro di fact-checker, ricercatori accademici, e altri stakeholder europei attraverso una piattaforma collaborativa per l’analisi e il contrasto della disinformazione. Il progetto è finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma Connecting Europe Facility (Contract number: LC-01464044).

EFCSN (European Fact-Checking Standards Network) è stato lanciato a gennaio 2022 con l’obiettivo di riunire le organizzazioni europee di fact-checking e open-source intelligence (OSINT) per creare un Codice di Integrità Professionale che guidi gli sforzi nel combattere la disinformazione. Il progetto è supportato dalla Commissione europea. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale del progetto.

IDMO (Italian Digital Media Observatory) è uno degli otto hub nazionali finanziati dalla Commissione europea nell’ambito del progetto Edmo per l’analisi dei social media e il contrasto alla disinformazione attraverso il programma Connecting Europe Facility (Agreement number: INEA/CEF/ICT/A2020/2394428).

InfoGamic è un progetto dedicato al contrasto della disinformazione che circola su WhatsApp, promosso da Meta e dall’International Fact-Checking Network all’interno del bando Share the facts. La redazione di Facta.news è impegnata nella sua realizzazione. InfoGamic consisterà in tre diversi giochi WhatsApp che hanno a che fare con la verifica delle notizie.

Rubrica fake news – Rassegna stampa per bambini, da luglio 2021 Facta.news collabora con il progetto Rassegna stampa per bambini e contribuisce alla realizzazione di una rubrica settimanale dedicata alle notizie false più virali dell’ultimo periodo o ad approfondimenti che riguardano il mondo del debunking. La rubrica, pensata per un pubblico giovane, viene pubblicata ogni lunedì su Instagram e, in cinque tavole, cerca di contribuire ad una corretta informazione.

Negli anni passati la redazione di Facta.news è stata impegnata nei seguenti progetti:

CoronaVirusFacts Alliance, progetto ideato nel gennaio 2020 dall’International Fact-checking Network (IFCN) per creare un database internazionale nella lotta alla disinformazione a tema Covid-19. Il database è arrivano a comprendere oltre 100 organizzazioni di fact-checking scrivendo articoli in più di 40 lingue. CoronaVirusFacts Alliance ha ricevuto un riconoscimento da parte del Forum della Pace di Parigi per il suo impegno nel contrasto all’infodemia da Covid-19.

Chiedi a Vera, progetto nato dalla collaborazione di Facta.news, Pagella Politica, l’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano e il centro di ricerca francese Eurecom. Vera è stata la prima assistente conversazionale creata in Italia interamente dedicata all’emergenza sanitaria e ha permesso agli utenti di verificare le notizie o chiarire dubbi su questioni di carattere medico e scientifico sulla pandemia. Il progetto è stato finanziato grazie al Coronavirus fact-checking grant, bando promosso dall’International fact-checking network.

Mind The Challenge è un progetto ideato da Facta.news e interamente dedicato alle challenge online. Si tratta di un sito web multimediale e multilingue interamente dedicato al fenomeno delle sfide virali in Rete; per ogni tema affrontato, sono stati coinvolti esperti del settore e creati contenuti testuali, video e grafici. Partner di Facta in questo progetto è Verificat, progetto di fact-checking e debunking catalano. Il progetto è stato finanziato grazie alla seconda edizione della Stars4Media call for initiatives.

Lupus in bufala LIFE WolfAlps EU è un testo redatto e impaginato dalla redazione di Facta.news (in italiano e in inglese) interamente dedicato al debunking delle notizie che riguardano il lupo, con particolare attenzione agli esemplari che vivono sulle Alpi. Il testo è stato scritto nell’ambito della partnership tra Facta e LIFE WolfAlps EU ed è stato realizzato grazie al programma LIFE, strumento finanziario dell’Unione europea per l’ambiente e l’azione per il clima. 

VaxFacts – HealthGuard, progetto nato nel febbraio 2021 da un’iniziativa di NewsGuard, società impegnata nella lotta alla disinformazione e che fornisce valutazioni di affidabilità e schede informative per migliaia di siti di notizie e di informazione in diverse lingue (italiano compreso). La campagna VaxFacts offriva accesso gratuito all’estensione del browser HealthGuard, uno strumento che aiuta a proteggersi dalla disinformazione sanitaria. Facta.news è stato tra i media partner del progetto, che si è concluso a giugno 2021.

 

La partecipazione a questi progetti non influisce sulla nostra indipendenza editoriale.

Da chi è composta la redazione:

Giovanni Zagni

Giovanni Zagni

Direttore

Sono entrato a far parte di Pagella Politica nel 2015, dopo aver lavorato per tre anni come redattore al quotidiano online IlPost.it, e successivamente a Linkiesta.it, dove sono stato social media manager e responsabile del settore Esteri.

Sono giornalista professionista e, nella mia attività da freelance, ho pubblicato articoli su Linkiesta.it, “Rivista Studio” e “Il Foglio”, occupandomi del dibattito su fake news e post-verità, ma anche di temi di cultura e politica estera.

Mi interesso ai temi del nucleare e ne ho scritto per “Le Scienze”. Partecipo regolarmente a eventi di formazione e a convegni con contributi sul tema del fact-checking.

Sono stato allievo della classe di Lettere della Scuola Normale Superiore di Pisa (2005-2010) e ho conseguito un dottorato (PhD) in filologia romanza presso l’Università di Siena.
Vivo a Milano.

Print Friendly, PDF & Email

Camilla Vagnozzi

Responsabile editoriale

Dal 2018 lavoro per Pagella Politica, prima come fact-checker e ora come responsabile editoriale di Facta, progetto che ho ideato e visto nascere.

Sono laureata in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Pavia e in Editoria e Comunicazione all’Università degli Studi di Milano.

Sono autrice di Slow Journalism Movement: Storia, modelli e diffusione di un’informazione alternativaA nome di Pagella Politica e Facta partecipo ad eventi e convegni nazionali e internazionali parlando di fact-checking e disinformazione.

Prima di occuparmi di fact-checking ho lavorato come Project Manager in un’agenzia di comunicazione e all’interno del Public Affairs Office del Consolato Americano a Milano.

Ho vissuto negli Emirati Arabi Uniti e in Australia.

Print Friendly, PDF & Email

Caterina Barbuscia

Social Media Manager

Prima di approdare nel mondo del fact-checking, ho lavorato per otto anni in quello dell’editoria per la rivista La Cucina Italiana dove ho maturato la passione per la comunicazione e per il web design.

Sono stata Social Media Manager in diverse agenzie di comunicazione ed infine approdata, ad aprile 2020, a Facta.

Print Friendly, PDF & Email

Leonardo Bianchi

Fact-checker

Sono laureato in giurisprudenza all’Alma Mater Studiorum di Bologna. Ho lavorato a lungo come News Editor di VICE Italia e ho collaborato con varie testate – tra cui Internazionale, Valigia Blu e molte altre – occupandomi principalmente di estremismo, populismo e complottismo.

Sono autore di due libri: La gente. Viaggio nell’Italia del risentimento e Complotti! Da Qanon alla pandemia, cronache dal mondo capovolto (2017 e 2021), entrambi pubblicati con minimum fax.

Curo anche la newsletter COMPLOTTI!, dedicata alle teorie del complotto.
Da novembre 2023 faccio parte della redazione di Facta.

Print Friendly, PDF & Email

Francesca Capoccia

Fact-checker

Sono laureata in Editoria e Scrittura all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

Ho scritto per The Bottom Up e Xtra Magazine.
Ho curato la comunicazione per Cittadinanzattiva Emilia-Romagna.

Ad aprile 2023 sono entrata nella redazione di Facta.

Print Friendly, PDF & Email
Simone Fontana

Simone Fontana

Fact-checker

Sono entrato a far parte di Facta ad aprile 2020, dopo aver lavorato nei due anni precedenti soprattutto da freelance scrivendo di politica, migrazioni e cultura internet per Wired Italia e Repubblica.

Laureato in Pubblicità ed Editoria, prima di fare giornalismo mi sono occupato di comunicazione, prevalentemente politica.

Print Friendly, PDF & Email

Jessica Masucci

PRODUTTRICE PODCAST

Dal 2018 curo la produzione di Poteri Forti, il podcast di Pagella Politica e dal 2022 di Veramente, il podcast di Facta.

Sono giornalista professionista dal 2011 e scrivo per diverse testate; tra le ultime L’EspressoGrazia, Il Foglio e Are We Europe. Da alcuni anni tratto temi di salute mentale in chiave politica.

Ho lavorato per quattro anni all’agenzia Ansa, coprendo la cronaca e la politica.

Per Audible ho lavorato come producer e come coautrice della serie podcast Memento vivere.
Vivo a Milano.

Print Friendly, PDF & Email

Antonio Scalari

Fact-checker

Sono laureato in Scienze biologiche e ho un Master in giornalismo e comunicazione della scienza.

Mi occupo, in particolare, di comunicazione della scienza, cambiamento climatico e disinformazione.

Ho collaborato con Valigia Blu e sono tra i membri fondatori di Climate Media Center Italia.

Da gennaio 2024 faccio parte della redazione di Facta come redattore scientifico.

Print Friendly, PDF & Email

Anna Toniolo

Fact-checker

Sono laureata in Scienze Internazionali – Politiche del Medio Oriente e del Nord Africa all’Università di Torino.
Da luglio 2022 faccio parte della redazione di Facta dove lavoro come fact-checker.

Mi interesso di diritti umani, migrazioni e questioni di genere e ho pubblicato diversi articoli su testate e blog come The new arab, EUobserver e Valigia Blu.

Print Friendly, PDF & Email
Andrea Zitelli

Andrea Zitelli

Fact-checker

Sono laureato in italianistica all’Università di Bologna. Dal 2012 al 2014 ho frequentato un master in giornalismo durante il quale ho fatto due stage a Milano Finanza e a La Provincia Pavese.

Nel 2015 sono diventato giornalista professionista.

Dal 2011 al 2021 ho collaborato con il blog Valigia Blu e da febbraio 2018 con Pagella Politica

Da aprile 2020 faccio parte della redazione di Facta.

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email
× WhatsApp