L’inventore del test PCR non ha detto che è inutile «per diagnosticare malattie infettive» - Facta
TOP

L’inventore del test PCR non ha detto che è inutile «per diagnosticare malattie infettive»

Il 19 agosto su Facebook è stata condivisa un’immagine composta dalla foto del biochimico statunitense, Kary Mullis, (morto nel 2019) e da una parte di testo. Si legge: «Kary Mullis, Premio Nobel per la chimica nel 1993 inventore del Test PCR: “Questo test non dovrebbe essere usato per diagnosticare malattie infettive».

Questa dichiarazione non trova riscontro in nessuna testata nazionale e internazionale. Si tratta quindi una notizia frutto di fantasia.
Andiamo con ordine.

Post pubblicato su Facebook il 19 agosto 2020 – Notizia falsa

Nel 1993 il biochimico statunitense Kary Mullis ha vinto il premio Nobel per la chimica «per l’invenzione del metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR)». Si tratta di un tecnica in grado di copiare e produrre illimitate sequenze di dna presenti in quantità basse. Durante la pandemia di Covid-19, questa tecnica è stata utilizzata nel procedimento per individuare le persone positive al nuovo coronavirus. Come spiega il virologo Stefano Vella, tramite un tampone «si prende un po’ di muco, dal naso e dalla faringe e si esegue la PCR per identificare la presenza del virus nell’orofaringe».

Mullis non ha però mai pronunciato una simile frase. Il virgolettato attribuito erroneamente al biochimico statunitense morto lo scorso anno, è in realtà una citazione decontestualizzata di un articolo scritto da John Lauritsen nel 1996 su Hiv e Aids. Quindi la Covid-19 non c’entra nulla. Come spiegato dai colleghi di Reuters, quella frase inserita nel suo contesto originale non indica che i test PCR non funzionano. Il reale significato di quella citazione infatti è che la PCR identifica le sostanze a livello qualitativo e non quantitativo, rilevando in questo modo le sequenze genetiche dei virus, ma non i virus stessi.

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (8)

  • Cincinnatus

    Leggo sul bugiardino dei tamponi orofaringei:

    Xpert Xpress SARS-COV-2 è un test di reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR) previsto per il rilevamento qualitativo degli acidi nucleici del SARS-COV-2 in campioni di analisi da tampone nasofaringeo, tampone nasale o lavaggio/aspirato nasale prelevati da soggetti con sospetta infezione da covid-19.
    I risultati servono per l’identificazione dell’RNA del SARS-COV-2.
    I risultati positivi sono indicativi della presenza di RNA del SARS-COV-2, ciononostante, per determinare lo stato di paziente infetto è necessaria la correlazione clinica con l’anamnesi e con altri dati diagnostici del paziente stesso. I risultati positivi non escludono la presenza di infezioni batteriche o di infezioni concomitanti da altri virus. L’agente rilevato potrebbe non essere la causa concreta della malattia.
    I risultati negativi non escludono un’eventuale infezione da SARS-COV-2 e non devono essere usati come unica base per il trattamento o per altre decisioni riguardanti la gestione dei pazienti. I risultati negativi o positivi devono essere accompagnati da osservazioni cliniche, anamnesi del paziente e informazioni epidemiologiche.
    Il test Xpert Xpress SARS-COV-2 deve essere svolto da operatori opportunamente addestrati, in ambiente di laboratorio o presso il paziente.

    Attualmente basta la positività o la falsa positività al tampone , che rileva anche VIRUS MORTI per essere rinchiuso per 15 gg. Una mia collega è rimasta confinata a casa per 70 gg perchè il tampone era sempre positivo .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Cincinnatus,
      Puoi trovare QUI il nostro articolo in risposta.

      reply
  • Valter

    C’è scritto sulle note dei kit che non vanno usati a fini diagnostici. Fotse loro ne sanno più di voi.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Valter,
      ci potrebbe indicare dove ha visto questa informazione?

      reply
  • marco

    a parte gli articoli Kary Mullis HA DETTO che la PCR Non ha valore diagnostico https://youtu.be/K_c-YCrIgLI

    reply
    • Facta

      Buongiorno Marco,
      abbiamo verificato la notizia di cui parli QUI.

      Le consigliamo anche la lettura di questo articolo.

      reply
  • Gio

    FACTA guardate che Marco vi ha dato uno scacco matto!

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giò,
      non ci risulta, e strumentalizzare un video, estrapolandolo dal suo contesto non è corretto.
      Ne hanno parlato diffusamente i nostri colleghi spagnoli QUI

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp