L’inventore del test PCR non ha detto che è inutile «per diagnosticare malattie infettive» - Facta
TOP

L’inventore del test PCR non ha detto che è inutile «per diagnosticare malattie infettive»

Il 19 agosto su Facebook è stata condivisa un’immagine composta dalla foto del biochimico statunitense, Kary Mullis, (morto nel 2019) e da una parte di testo. Si legge: «Kary Mullis, Premio Nobel per la chimica nel 1993 inventore del Test PCR: “Questo test non dovrebbe essere usato per diagnosticare malattie infettive».

Questa dichiarazione non trova riscontro in nessuna testata nazionale e internazionale. Si tratta quindi una notizia frutto di fantasia.
Andiamo con ordine.

Post pubblicato su Facebook il 19 agosto 2020 – Notizia falsa

Nel 1993 il biochimico statunitense Kary Mullis ha vinto il premio Nobel per la chimica «per l’invenzione del metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR)». Si tratta di un tecnica in grado di copiare e produrre illimitate sequenze di dna presenti in quantità basse. Durante la pandemia di Covid-19, questa tecnica è stata utilizzata nel procedimento per individuare le persone positive al nuovo coronavirus. Come spiega il virologo Stefano Vella, tramite un tampone «si prende un po’ di muco, dal naso e dalla faringe e si esegue la PCR per identificare la presenza del virus nell’orofaringe».

Mullis non ha però mai pronunciato una simile frase. Il virgolettato attribuito erroneamente al biochimico statunitense morto lo scorso anno, è in realtà una citazione decontestualizzata di un articolo scritto da John Lauritsen nel 1996 su Hiv e Aids. Quindi la Covid-19 non c’entra nulla. Come spiegato dai colleghi di Reuters, quella frase inserita nel suo contesto originale non indica che i test PCR non funzionano. Il reale significato di quella citazione infatti è che la PCR identifica le sostanze a livello qualitativo e non quantitativo, rilevando in questo modo le sequenze genetiche dei virus, ma non i virus stessi.

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (27)

  • Cincinnatus

    Leggo sul bugiardino dei tamponi orofaringei:

    Xpert Xpress SARS-COV-2 è un test di reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR) previsto per il rilevamento qualitativo degli acidi nucleici del SARS-COV-2 in campioni di analisi da tampone nasofaringeo, tampone nasale o lavaggio/aspirato nasale prelevati da soggetti con sospetta infezione da covid-19.
    I risultati servono per l’identificazione dell’RNA del SARS-COV-2.
    I risultati positivi sono indicativi della presenza di RNA del SARS-COV-2, ciononostante, per determinare lo stato di paziente infetto è necessaria la correlazione clinica con l’anamnesi e con altri dati diagnostici del paziente stesso. I risultati positivi non escludono la presenza di infezioni batteriche o di infezioni concomitanti da altri virus. L’agente rilevato potrebbe non essere la causa concreta della malattia.
    I risultati negativi non escludono un’eventuale infezione da SARS-COV-2 e non devono essere usati come unica base per il trattamento o per altre decisioni riguardanti la gestione dei pazienti. I risultati negativi o positivi devono essere accompagnati da osservazioni cliniche, anamnesi del paziente e informazioni epidemiologiche.
    Il test Xpert Xpress SARS-COV-2 deve essere svolto da operatori opportunamente addestrati, in ambiente di laboratorio o presso il paziente.

    Attualmente basta la positività o la falsa positività al tampone , che rileva anche VIRUS MORTI per essere rinchiuso per 15 gg. Una mia collega è rimasta confinata a casa per 70 gg perchè il tampone era sempre positivo .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Cincinnatus,
      Puoi trovare QUI il nostro articolo in risposta.

      reply
      • Alberto

        Siete l’ennesimo esempio di sito dall’aspetto serio che si spaccia per rivelatore della verità, con strumenti apparentemente scientifici, senza però dare reali evidenze delle vostre teorie difensive del cosiddetto pensiero unico.
        E, guarda caso, siete il primo sito che appare nella lista dei risultati del motore di ricerca digitando “Stefano Scoglio”.
        Vergognosi.

        reply
        • Facta

          Buongiorno Alberto,
          se appariamo come primo risultato in Google è semplicemente perché il nostro articolo è stato letto da molte persone.
          In tutti i nostri articoli sono presenti i link alle ricerche scientifiche a cui facciamo riferimento nel testo, sono tutte le parole sottolineate in giallo.

          reply
      • Vincenzo

        Bhe! Proprio una Fake non sembra. Giusto un paio di link giù. Una domanda! Ma smentite anche le Fake che dicono in TV? Se non lo fate è chiaro che c’è un conflitto. Siete molto esperti nell’argomentare ma partite da un presupposto di schieramento. Già solo questo non vi rende credibili.
        LINK > comevolevasidimostrare.substack > uncoverdc.com/2020/04/07/was

        reply
        • Facta

          Buongiorno Vincenzo, potrebbe fare degli esempi di Fake che ha sentito in tv? A quale schieramento fa riferimento?
          Abbiamo parlato dell’utilizzo dei test pcr in questi articoli: 1 2 3 4 5 6.

          reply
    • Axel

      Vediamo quanto dura questo messagio, fottuti foraggiati bilderbergheriani, sansimonisti e nazistalinisti!

      https://www.facebook.com/Radioradioweb

      reply
      • Facta

        Buongiorno Axel, conosciamo bene quel video e il modo in cui è stato strumentalizzato in rete.
        Ne abbiamo parlato in QUESTO ARTICOLO

        reply
  • Valter

    C’è scritto sulle note dei kit che non vanno usati a fini diagnostici. Fotse loro ne sanno più di voi.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Valter,
      ci potrebbe indicare dove ha visto questa informazione?

      reply
    • enrico canevazzi

      È probabile che dicano che non si deve fare diagnosi basandosi SOLO sul test, il che per un medico come il sottoscritto è lapalissiano! Non si fa diagnosi di malattia senza valutare tutta una serie di ” sintomi ” , ” segni obiettivi ” , dati di laboratorio e strumentali ” e tutto ciò che possa servire per capire di che malattia si tratti !

      reply
  • marco

    a parte gli articoli Kary Mullis HA DETTO che la PCR Non ha valore diagnostico https://youtu.be/K_c-YCrIgLI

    reply
    • Facta

      Buongiorno Marco,
      abbiamo verificato la notizia di cui parli QUI.

      Le consigliamo anche la lettura di questo articolo.

      reply
  • Gio

    FACTA guardate che Marco vi ha dato uno scacco matto!

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giò,
      non ci risulta, e strumentalizzare un video, estrapolandolo dal suo contesto non è corretto.
      Ne hanno parlato diffusamente i nostri colleghi spagnoli QUI

      reply
      • Franco

        Vediamo se questa volta mi pubblicate il commento. Tra l’altro ho visto che dopo la mia risposta al commento di Marco avete aggiornato la vostra replica, ma senza pubblicare il mio commento. A ogni buon conto, lo scacco è matto per davvero e il “debunking” dei vostri colleghi spagnoli (tra l’altro l’unico disponibile in rete, a quanto pare) non serve a far cadere le argomentazioni. Il video in questione non è strumentalizzato poiché non c’è alcun contesto da interpretare. Mullis parla, in generale, di come funziona il test che ha inventato. Punto. Che l’intervento fosse in relazione al virus HIV è ininfluente. Ciò che conta è sapere che il test PCR non può dirti se sei ammalato oppure no e nemmeno se sei infettivo.
        Tra l’altro non è che sia un concetto poco noto, in ambito scientifico: https://www.nytimes.com/2007/01/22/health/22whoop.html

        reply
  • samu

    Caspita pretendete di saperne più voi dello stesso inventore del test…Guardate questa sentenza…https://www.onb.it/2020/11/22/la-corte-dappello-portoghese-ritiene-inaffidabili-i-test-pcr-per-il-covid-19/

    reply
    • Facta

      Buongiorno Samu,
      abbiamoverificato questa notizia qui

      reply
  • NemoProf

    Buonasera, l’inventore della PCR forse non avrà detto direttamente che il test è inutile per diagnosticare le malattie
    ma quando sento dirgli:

    1) [la PCR] “non ti dice che sei malato e non ti dice che la cosa che hai preso ti avrebbe davvero
    danneggiato o qualcosa del genere.”

    2) “con la PCR puoi trovare quasi tutto in chiunque. Inizia a farti credere in una sorta di nozione buddista,
    dove tutto è contenuto in tutto il resto.”

    indirettamente mi fa capire che la PCR serve a tutto tranne che a diagnosticare una malattia.
    L’intervista di Mullis è QUI: https://www.youtube.com/watch?v=K_c-YCrIgLI

    reply
    • Facta

      Buongiorno Nemoprof,
      abbiamo verificato i contenuti del video che ha riportato nel suo commento, in questo articolo

      reply
  • Vox

    E meno male che dovreste essere un sito volto a fare chiarezza…

    reply
    • Facta

      Buongiorno Vox, che cosa non le è chiaro? Siamo a tua disposizione per eventuali chiarimenti.

      reply
  • emilio manzo

    salve, non vi dispiacerà ,spero , se ogni tanto vi porrò qualche quesito . se la mascherina e il distanziamento è cosi importante, come mai arriva un barcone pieno di disperati e solo alcuni sono positivi ?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Emilio, a

      reply
  • Cialtroni

    https://youtu.be/kLhxtdYI14I
    Smentite anche lui che parla?

    reply

Lascia un commento

× WhatsApp