Il tampone non rileva la positività a un generico coronavirus, ma al Sars-Cov-2 - Facta
TOP

Il tampone non rileva la positività a un generico coronavirus, ma al Sars-Cov-2

Venerdì 16 ottobre 2020 la redazione di Facta ha ricevuto una segnalazione via WhatsApp che chiedeva di verificare le informazioni contenute in uno screenshot, circolato sulla app di messaggistica e raffigurante un post copia/incollato da numerosi utenti su Facebook. 

Il contenuto oggetto della nostra verifica contiene un testo che recita: «Quando fate il test sierologico o il tampone e risultate positivi, chiedete a quale coronavirus siete positivi, ne abbiamo a migliaia dentro di virus. Non fatevi prendere più in giro. Lei è risultato positivo a coronavirus! OK, MA A QUALE ESATTAMENTE? Hcov-229 E? Hcov-OC43? Hcov-NL63? Hcov-HKU1? Sars-Cov? Mers-Cov? Sars-Cov-2. Nel corpo umano ci sono 7 coronavirus. La  PCR rileva uno di loro. In tv non sentirete dire positivo a Covid-19, è molto raro, dicono sempre positivo a coronavirus…ma quale?».

Si tratta di una notizia falsa e potenzialmente pericolosa vista l’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia di Covid-19.

Innanzitutto, come spiegato dal ministero della Salute, i coronavirus sono «una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (Mers) e la Sindrome respiratoria acuta grave (Sars)», quindi non esiste un solo coronavirus. Quello che ha scatenato l’attuale emergenza sanitaria prende il nome di Sars-Cov-2 (severe acute respiratory syndrome coronavirus 2, ovvero coronavirus della sindrome acuta respiratoria grave 2) e può provocare una malattia nota come Covid-19. Non è dunque possibile essere positivi alla Covid-19, come riportato nel post oggetto di verifica, ma solo al Sars-Cov-2.

La Pcr citata nel post è Polymerase Chain Reaction (reazione a catena della polimerasi), tecnica di biologia molecolare alla base del cosiddetto “tampone”, il test attualmente considerato più affidabile per diagnosticare la malattia da coronavirus. Come spiegato da questo protocollo pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità, il test è basato su una sequenza specifica per il virus Sars-Cov-2  e dunque servirà esclusivamente a riconoscere la presenza di quel virus. 

Per verificare tale informazione basta dare un’occhiata alla documentazione relativa a qualsiasi test molecolare effettuato per rilevare la positività al virus Sars-Cov-2. Il test Pcr ha una specificità del 100 per cento, in quanto rileva unicamente la sequenza genetica del virus Sars-Cov-2. In ogni caso, i requisiti per la messa a punto del test richiedono esplicitamente che non vi siano reazioni incrociate con altri patogeni respiratori.  

Il referto di un test molecolare che mostra come obiettivo dell’analisi il virus Sars-COv-2

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (26)

  • GIOVANNI ANTONIO GAIANO

    Francamente questo argomento potevate risparmiarvelo , complimenti per le vostre competenze .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giovanni,
      il post di cu abbiamo fatto la verifica è circolato moltissimo nell’ultima settimana, farne un articolo si è rivelato quindi necessario.

      reply
  • Simone

    Vorrei vedere cosa riportano su un test risultato positivo

    reply
    • Facta

      Buongiorno,
      che si è positivi al Sars-Cov-2

      reply
  • Paolo

    E come mai in Tanzania il governatore ha effettuato il test su delle capre e ha dato esito positivo?
    È stato anche testato su dei frutti, anche essi 2 su 15 sono risultati positivi.

    Il tampone è cosi affidabile secondo l OMS che riescie a scoprire anche le varianti Sars-Cov 2 di capre e avocado?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Paolo,
      potrebbe riportare i link o maqggiori informazioni sugli eventi a cui fa riferimento?

      reply
  • quintilio lupi

    Quelli che sostengono la non attendibilità dei tamponi li potrete anche contestare con in vostri termini medici che il povero cittadino incompetentemente non ha i presupposti per credere a voi, come non li ha per credere a chi contesta la vostra tesi. di conseguenza resta nell’imbarazzo.
    Quello che invece c’è di plausibile che alcuni nostri conoscenti e/o parenti sono sta ricoverati in coma per incidente (moto) caduto dalle scale ecc) e sono stato etichettati morti x Covid??
    nonostante l’opposizione dei famigliari!
    addirittura alcuni anche con il tampone negativo all’ingresso dell’ospedale.
    QUESTO È UN ENIMMA DA CHIARIRE (perché fa sorgere molti dubbi)PRIMA DI IMPOSTARE UNA VOSTRA LINEA DI DIFESA!!! Tigre 64

    reply
    • Facta

      Buongiorno Quintilio,
      se devesse avere modo di dimostrare quanto dice e fornire qualche dettaglio in più, siamo a sua disposizione per una verifica.

      reply
  • Lorenza Masiello

    E come mai Vaia il 9 novembre ha detto che forse a breve avremo un test per distinguere il COVID da un’altra influenza?

    reply
    • Facta

      Buonasera Lorenza,
      è possibile approfondire questo argmento, leggendo QUESTO ARTICOLO

      reply
  • Max

    giusto per chiarire…
    il risultato “NON RILEVATO” stabilisce la NEGATIVITA’?
    Oppure l’errore nel test?

    Grazie
    Max

    reply
    • Facta

      Buongiorno Max,
      sì, indica la negatività.

      reply
  • Demenz

    https://www.wired.it/scienza/medicina/2020/10/19/test-distinguere-influenza-covid-19-spallanzani/?refresh_ce=
    prima di rispondere con “è possibile approfondire questo argmento, leggendo QUESTO ARTICOLO” che tra l’altro è un vostro articolo, dovreste andare allo Spallanzani a chiedere il perchè di quelle dichiarazioni, possibilmente con un video senza tagli. altrimenti il vostro è puro e semplice negazionismo LOL

    reply
    • Facta

      Buongiorno Demenz,
      nell’articolo che ha riportato si parla di un esame in arrivo che permetterà di distinguere IN UN UNICO ESAME l’infezione Covid-19 dall’influenza di tipo A e di tipo B mentre ad oggi sono necessari test diversi.

      reply
  • Roberta

    Ciao nel mio esito c’è scritto prima rilevato poi non rilevato cosa vuol dire?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Roberta, quale test ha eseguito?

      reply
  • Novax2021

    Il decreto del 15/10 prevede che un accompagnatore al pronto soccorso deve avere il GREEN PASS,
    Noi in casa siamo quattro persone
    nessuno vaccinato! Se uno di noi si dovesse sentire male grave, poiché viviamo fuori lontano da raggiungere l’ambulanza, per cui stante la gravità dovremmo affrettarci per raggiungere il Pronto soccorso
    Però non possiamo andare perché senza green. Lo lasceremo morire a terra..,,

    reply
    • Facta

      Buongiorno Novax2021, all’art. 4, comma 1, lettera B9 del decreto green pass approvato in commissione Affari sociali della Camera prevede che “salvi i casi di oggettiva impossibilità dovuta all’urgenza, valutati dal personale sanitario, per l’accesso alle prestazioni di pronto soccorso è sempre necessario sottoporsi al test antigenico rapido o molecolare”. Quindi, in assenza digreen pass si viene sottoposto a tampone.

      reply
  • Novax2021

    STATISTICHE VACCINATI:
    Al crescente elenco di morti improvvise in concomitanza con la somministrazione dei vaccini anti COVID, recentemente si sono aggiunti i casi di tre giovani che hanno perso la vita dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino(1).
    Inoltre il recente referto autoptico su Camilla Canepa(2), ugualmente morta dopo il vaccino, dimostra che la causa del decesso “è ragionevolmente da riferirsi a un effetto avverso da somministrazione del vaccino anti COVID”.
    Secondo uno studio tedesco(3) sulle autopsie di persone vaccinate poco prima di morire, sembrerebbe che cinque decessi su dieci siano da ricondurre al vaccino, ritenuto anche responsabile di un accumulo mai visto prima di linfociti nei cuori, reni, fegati e milze dei cadaveri.
    Alla luce di queste evidenze si chiede alla Commissione se intenda:
    1. ripensare la strategia costi-benefici della vaccinazione nei giovani dato il rischio assoluto di gravi effetti avversi e letali;
    2. ritirare l’autorizzazione per l’uso in emergenza dei vaccini per i quali i benefici appaiono limitati rispetto ai gravi rischi indotti dalla vaccinazione stessa.

    reply
    • Facta

      Buongiorno, potrebbe indicare la fonte di questo testo?

      reply
  • Novax2021

    Ad ottobre più casi di Covid rispetto allo scorso anno, quando non c’era il vaccino
    In ambienti no-vax circola questa analisi che confronta i casi, i ricoveri e i decessi di fine estate-inizio autunno 2021 con quelli dello stesso periodo del 2020. In effetti, numeri alla mano, all’inizio del mese di ottobre del 2020 erano stati registrati meno casi rispetto a quelli segnalati ad inizio ottobre 2021. Per gli scettici della vaccinazione l’unica conclusione possibile è che il vaccino non funziona..

    reply
    • Facta

      Buongiorno, ci potrebbe indicare l’analisi a cui fa riferimento?

      reply
      • Novax2021

        Risposta evasiva

        reply
        • Facta

          Buongiorno, non è evasiva semplicemente abbiamo bisogno delle fonti dei dati a cui fa riferimento per poterle verificare.

          reply
  • Novax2021

    Mike Yaedon ha spiegato che
    non c’è assolutamente bisogno
    di vaccini per estinguere
    la pandemia. Non ho mai sentito parlare di vaccini in modo così assurdo”.
    Parla l’ex vicepresidente Pfizer
    Contrario ai vaccini anti COVID,
    “Non si può pianificare di vaccinare milioni di persone sane e in forma con un vaccino che non è stato testato a lungo su soggetti umani. Questo lo so per esperienza acquisita da vice presidente della struttura Pfizer e dopo trent’anni nell’industria farmaceutica”.
    “Qualsiasi proposta di vaccinazione universale – ha aggiunto – non solo è completamente inutile ma, se fatta usando qualsiasi tipo di coercizione, è illegale”.

    reply
    • Facta

      Buongiorno, ci potrebbe indicare la fonte di quanto da lei riportato?

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp