No, Regno Unito e Ue non danno la cittadinanza a chi si unisce all’esercito ucraino  - Facta
TOP

No, Regno Unito e Ue non danno la cittadinanza a chi si unisce all’esercito ucraino 

Il 22 maggio 2023 è stato pubblicato su Facebook lo screenshot di un presunto messaggio in inglese su Adzuna, un motore di ricerca per annunci di lavoro di una società con sede a Londra. Nel messaggio si parla dell’offerta di un posto di lavoro per «cittadini del Medio Oriente e del Nord Africa» come «specialisti militari con buona salute e stabilità psicologica» a sostegno dell’esercito ucraino. «Dopo la scadenza del contratto e la verifica del rispetto dei requisiti, viene garantita la cittadinanza accelerata nel Regno Unito o nell’Ue», si legga ancora nell’annuncio, che fornisce un indirizzo email da contattare: «eu.citizen.programme@gmail.com».

Lo screenshot è accompagnato da questo commento: «Per la controffensiva ucraina, cercano mercenari in Medio Oriente e Nord Africa. In cambio offrono la cittadinanza britannica o dell’Ue». 

Si tratta di un contenuto fuorviante, che veicola una notizia falsa.

Il messaggio è reale ed è presente sul motore di ricerca di Adzuna. Contattati dai fact-checker di Reuters, un portavoce del ministero dell’Interno del Regno Unito e un altro della Commissione europea hanno smentito la notizia. Entrambi hanno detto che non esiste un programma per dare la cittadinanza a cittadini di altri Paesi in cambio del loro sostegno militare all’esercito ucraino. Le verifiche fatte da Facta.news confermano che non ci sono prove che dimostrano l’esistenza di un simile programma. Il portavoce della Commissione Ue ha poi aggiunto che l’indirizzo e-mail presente nel messaggio oggetto di analisi non è associato alle istituzioni dell’Unione europea, visto che queste non utilizzano account Gmail.

Infine un portavoce di Adzuna ha dichiarato di star indagando «sull’autenticità di questo insolito annuncio di lavoro, poiché non siamo a conoscenza dell’esistenza di un simile programma governativo». La società ha anche dichiarato che nel frattempo ha sospeso le candidature e rimosso l’indirizzo email allegato.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp