TOP

Dall’incontro di due bufale… ne nasce una terza: Conte, la foto in mensa e «l’unico» ristorante aperto in Parlamento

Il 12 maggio la redazione di Facta ha ricevuto via WhatsApp numerose richieste di verifica di un’immagine che immortala il presidente del Consiglio Giuseppe Conte all’interno di una mensa, seduto ad un tavolo e circondato da numerose persone. Stando a quanto mostrato nella foto, sembra che tra i presenti non venga rispettato il distanziamento sociale previsto in Italia nella lotta all’emergenza Covid-19. 

A testimonianza di questa interpretazione dell’immagine, la segnalazione comprende oltre alla foto anche una parte di testo dove si legge: «Questi sono quelli che ci dicono di mangiare al ristorante distanziati, con le mascherine, i guanti, ma capite che razza di serpi abbiamo al comando? Questa foto è stata scattata ieri sera, alle 19.07 minuti al ristorante del Parlamento italiano, l’unico aperto. V E R G O G N A».

Questa notizia è falsa e si tratta di un caso di disinformazione che ha avuto origine da due bufale di cui già ci siamo occupati nelle scorse settimane. Andiamo con ordine, partendo dalla foto. 

Come abbiamo scritto il 30 aprile 2020 in un nostro articolo, la foto che mostra Giuseppe Conte mangiare in una mensa è reale ma non è stata scattata durante il lockdown italiano. La scena si è in realtà verificata il 25 novembre 2019, quando il presidente del Consiglio in visita allo stabilimento FCA di Melfi ha mangiato in mensa con gli operai della fabbrica. Si tratta, quindi, di una foto scattata quando nel nostro Paese non c’era ancora l’emergenza sanitaria oggi in corso.

Passiamo ora al testo. Come abbiamo riportato sopra, si legge che la scena si sarebbe svolta al «ristorante del Parlamento italiano, l’unico aperto». Anche in questo caso, parliamo di una notizia falsa già trattata dalla redazione di Facta

Ricordiamo che dal 23 aprile il servizio mensa della Camera dei Deputati è ripartito – nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e delle restrizioni anti-contagio – dopo la chiusura decisa con l’entrata in vigore del lockdown nazionale. Non si tratta, però, di un «ristorante» ma di una mensa di necessità, simile a quelle aziendali che, in alcuni casi, sono rimaste operative anche in piena emergenza Covid-19. 

Precisiamo, infine, che è in qualsiasi caso scorretto alludere ad una chiusura generale di tutti i ristoranti in Italia. Questi esercizi, per quanto ad oggi a livello nazionale non possano ospitare al loro interno dei clienti, possono però considerarsi aperti a patto che effettuino consegna a domicilio (dpcm 11 marzo 2020, art. 1 comma 2) o offranno, a partire dal 4 maggio 2020, il servizio di take away. Ci sono poi delle eccezioni: ad esempio, come abbiamo scritto in un nostro articolo sul tema, dal 30 aprile 2020 la Regione Calabria ha deciso di riaprire bar e ristoranti permettendo il servizio al tavolo all’aperto. 

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (18)

  • Raffaello

    Siete un importantissimo baluardo per arginare la melma che i sicari del duo meloni-salvini spargono a palate. Grazie

    reply
    • Massimo Fabbris

      Ma perchè si deve sempre incolpare Salvini e la Meloni per delle notizie false confezionate chissà da chi.
      Allora posso dire che sono notizie false confezionate dalla sinistra per screditare la destra.

      reply
    • Nicola

      Perché, chi sta al governo cosa fa ??

      reply
  • Gino De Gennaro

    Felice di leggere chi porta chiarezza . Spero che continuate anche in futuro a smascherare le fac news

    reply
  • Renato

    Mi piace potrei sapere cos’è facta

    reply
  • Marco

    Ma quella accanto a Conte non è la Meloni? 😂

    reply
  • Una cittadina che non riconosce più il suo paese

    Ok, la foto era antecedente corona virus, ma in genere quando si è a capo di qualcosa, si da’ il buon esempio e francamente la mensa doveva rimanere chiusa!!! Ognuno di noi avrà mille esempi di piccola o grande difficoltà avuta non potendoci approvigionare nemmeno di una bottiglia d’acqua al bar quando fuori per lavoro, tranne che con distributori automatici o supermercati, doveva essere così anche per questi signori gran predicatori di uguaglianza ma veramente nessun fatto concreto! Non sanno nemmeno fare queste piccole rinunce in rispetto dei loro connazionali figuriamoci su cose più importanti!!
    Tutto lascia solo una grande amarezza, ma anche la memoria lunga…

    reply
    • Facta

      Come abbiamo scritto in questo articolo la foto è stata scattata a Novembre 2019 e in questo altro articolo spieghiamo che il ristorante della Camera dei Deputati era chiuso.

      reply
    • Giuliano

      Ma che dici! Allora non hai capito nulla ! Era una sera del 25 novembre 2019!

      reply
  • Lorenzo

    La domanda è, ma si può risalire in qualche modo agli autori/fabbricatori?

    reply
    • Facta

      Spesso è molto difficile…

      reply
  • Maria rosatia de rosa

    Buongiorno si condivide in buona fede ma come si fa a sapere notizie fake prima di condividere? Grazie

    reply
    • Facta

      Buongiorno Maria Rosatia,
      Purtroppo è spesso molto difficile distinguerle, un consiglio, provare a fare una ricerca veloce su google e vedere se qualche sito anti bufale ha già fatto delle verifiche su quella notizia.

      reply
  • Sergio Tomei

    Grazie, ci sono caduto con tutte le scarpe. Purtroppo la mia è una furia cieca, dovuta al non risarcimento previsto per tutti i lavoratori, evidentemente essendo io lavoratore di Coop non rientro nel decreto aiuti. Forse la mia Coop ha presentato la richiesta in ritardo. Oppure richiesta di assegni familiari di ottobre 2019 ancora non pervenuti, sono la conseguenza di una rabbia che non mi fà ragionare, chiedo scusa e prometto di essere più attento la prossima volta!

    reply
  • giancarlo

    informatevi bene prima di pubblicare fake..!!

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giancarlo,
      A cosa si riferisce?

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp