Il documentario del 1956 che prevedeva la pandemia è un falso satirico - Facta
TOP

Il documentario del 1956 che prevedeva la pandemia è un falso satirico

Il 12 maggio 2021 la redazione di Facta ha ricevuto la richiesta di verificare un video pubblicato su YouTube il 9 maggio 2021 e intitolato «Le previsioni di un documentario del 1956 – compresa l’attuale pandemia!(Probabile fake)». Il video mostra un documentario in bianco e nero intitolato «Avoiding the future plague» (in italiano, “Evitare la peste futura”) e apparentemente datato al 29 febbraio 1956, che descrive alcuni possibili sviluppi del futuro che suonano particolarmente vicini alla realtà di oggi, come condividere i propri pensieri «scrivendoli su di una tastiera ed inviandoli nell’aria» o che «l’obesità sarà dilagante». Al minuto 01:39 il presunto documentario afferma che la «cosa peggiore di tutte sarà l’emergenza per una mortale e potenzialmente devastante malattia», in quanto entro il 2020 un nuovo virus si diffonderà dall’Asia e raggiungerà il resto del mondo.

Si tratta di un falso creato a scopo satirico.

Come hanno ricostruito diversi nostri colleghi fact-checker, il video originale è stato pubblicato su YouTube il 1 marzo 2020 dall’account RamsesThePigeon, appartenente allo scrittore Max Patrick Schlienger. Nella descrizione originale del video è scritto esplicitamente «Spezzoni d’archivio nel dominio pubblico acquisiti da Archive.org. E, sì, l’ho messo insieme solo per caricare un video il 29 febbraio». 

I nostri colleghi di Afp hanno contattato Schlienger che ha confermato di essere l’autore del video, creato «per prendere in giro la disinformazione che si stava diffondendo all’epoca», che il video è «una collezione di filmati educativi, pubblicità e film dell’orrore degli anni 1950» e infine che ha scritto e registrato la voce fuoricampo personalmente. Schlienger ha anche inviato a Afp le fonti originali dei video usati per montare il documentario, come questo video d’epoca sul raffreddore. 

A titolo di curiosità possiamo aggiungere che, anche se nessuno poteva prevedere l’attuale pandemia da Covid-19 e tantomeno la sua data, l’ipotesi generica di una pandemia futura non sarebbe stata una previsione così anacronistica per quell’epoca storica. Nel 1957 infatti, un anno dopo la presunta data del video satirico, il mondo subì una pesante pandemia di influenza, apparentemente originata in Cina, che causò tra 1 e 4 milioni di decessi nel mondo, seconda solo alla “spagnola” del 1918.

In conclusione, il video è un falso umoristico creato montando materiale d’archivio e una voce fuori campo, e risale al 2020, non al 1956. 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp