Perché abbiamo usato i vaccini a mRna contro la Covid-19 - Facta
TOP

Perché abbiamo usato i vaccini a mRna contro la Covid-19

La corsa ai vaccini per la Covid-19 è stata, come abbiamo raccontato, molto rapida rispetto ai tempi cui la comunità scientifica era abituata: in meno di un anno siamo passati dal contatto con un patogeno prima sconosciuto a un vaccino approvato in Europa e negli Stati Uniti. 

Il vaccino Pfizer-BioNTech, insieme ad altri candidati in dirittura d’arrivo come il vaccino Moderna, non è solo stato sviluppato con una rapidità mai vista. È anche il primo vaccino approvato per l’uso che si basa sulla tecnologia “a Rna messaggero”, o mRna. 

Come mai la gara è stata vinta proprio da una tecnologia nuova? Quali sono i vantaggi? Ci sono dei rischi? Ecco che cosa ci dice la scienza. 

Che cos’è l’mRna

Per capire che cosa sia un vaccino a mRna bisogna fare un passo indietro e concentrarsi sull’acido ribonucleico o Rna e, in particolare, l’mRna. 

Tutti conosciamo il Dna ma il suo fratello Rna, chimicamente molto simile ma meno famoso, è altrettanto importante. Il Dna ha la funzione di conservare l’informazione genetica dell’organismo: possiamo immaginarlo come un grosso manuale che contiene le istruzioni per costruire e far funzionare le nostre cellule e, quindi, il nostro corpo. Del nostro genoma abbiamo però solo due copie per ciascuna cellula, una ereditata dalla madre e una dal padre. Le varie funzioni della cellula non possono quindi riferirsi direttamente alle istruzioni del Dna: è come se migliaia di persone volessero consultare continuamente le uniche due copie di un libro in una biblioteca. L’mRna è la soluzione a questo problema. 

Come il Dna, l’Rna codifica le informazioni tramite una sequenza di  “lettere” (unità chimiche dette nucleotidi) disposte una dietro l’altra, come i caratteri alfabetici di una frase. 

I singoli geni codificati nel Dna, nel momento in cui servono, vengono ricopiati (in gergo si dice trascritti) da un enzima in molte copie di molecole di Rna dette Rna messaggero o mRna (per distinguerlo da altre molecole di Rna che hanno altri scopi). È come se, a quelle persone nella biblioteca, venissero distribuite migliaia di fotocopie delle istruzioni contenute nel manuale. L’mRna si chiama messaggero appunto perché trasmette il messaggio del Dna al resto della cellula. Queste copie vengono poi interpretate dalla cellula per costruire proteine. Sono infatti poi le proteine le molecole che nel nostro corpo si occupano di gran parte delle funzioni.

L’Rna è leggermente diverso dal Dna: le sue unità fondamentali contengono un atomo di ossigeno e uno di idrogeno in più, e tanto basta per renderlo più fragile (gli appassionati di chimica organica trovano qui una spiegazione). Tende quindi a disgregarsi rapidamente. 

Si tratta di una qualità, non di un difetto. Se il Dna è estremamente prezioso, il mRna è invece usa-e-getta: una volta compiuto il suo dovere può venire distrutto da enzimi noti come endonucleasi e i suoi “pezzi” riutilizzati. Se una cellula decide di non aver più bisogno di produrre una certa proteina, basta smettere di copiare il gene in molecole di mRna. La fragilità del Rna permette quindi alle cellule di reagire in modo flessibile e rapido. 

Perché usare il mRna per un vaccino?

E veniamo quindi al nostro vaccino. Lo scopo di un vaccino è istruire il sistema immunitario a riconoscere un agente patogeno, come un virus. Per fare questo di norma viene somministrato o il virus intero – inattivato con metodi chimici, o una variante incapace di causare la malattia – o frammenti di esso. 

Il vaccino a mRna, invece di introdurre direttamente il virus o i suoi frammenti, immette nel nostro organismo un mRna con le istruzioni per costruire una proteina del virus. Il mRna viene catturato e tradotto in proteine come un qualunque altro mRna. Il vaccino induce quindi il nostro organismo a creare, per un breve periodo di tempo, le proteine del virus, che il nostro sistema immunitario imparerà poi a riconoscere. 

Il vaccino a mRna è quindi, innanzitutto, più sicuro. Non contiene infatti il patogeno, ma solo le istruzioni per costruire una parte, di per sé non pericolosa, del patogeno. Come abbiamo già spiegato, l’attenuazione o l’inattivazione dei virus per i vaccini, se eseguita scorrettamente, può portare rischi concreti, anche se molto rari. I virus a mRna non hanno invece questo problema. L’mRna del vaccino inoltre è temporaneo: come gli altri mRna viene infine degradato dalla cellula stessa. 

Un altro grosso vantaggio della tecnologia a mRna è che permette di produrre il vaccino in modo rapido ed economico. L’Rna è facile da sintetizzare in poco tempo su larga scala, una caratteristica essenziale qualora si debba contrastare velocemente una pandemia come in questo caso. Inoltre gli impianti che producono il vaccino non devono produrre o manipolare alcun virus, come accade per i vaccini che usano virus inattivo o attenuato, ma solo sintetizzare una sequenza di mRna. 

La produzione industriale del vaccino quindi è più semplice e sicura, evitando rischi di contaminazione o incidenti con rilascio di patogeni pericolosi. Uno stesso impianto biochimico può produrre facilmente, se necessario, molti vaccini diversi o generare immediatamente varianti dello stesso vaccino, in quanto la tecnologia è identica: cambia solo la sequenza del mRna da produrre, non diversamente da come una stamperia può stampare libri con qualsiasi contenuto. Lasciando che siano le cellule del nostro organismo a produrre temporaneamente le proteine che ci interessano, è possibile anche creare vaccini altrimenti difficili da produrre in laboratorio o su scala industriale. 

Un difetto logistico dei vaccini a mRna è la loro scarsa stabilità: l’Rna, come abbiamo visto, è una molecola fragile. Per questo molti vaccini a mRna devono essere conservati a bassissima temperatura, come il vaccino Pfizer-BioNTech che richiede di essere tenuto  a 70 gradi sotto zero, anche se sono in sviluppo alcune tecnologie che permettono di mitigare questo requisito. Il vaccino Moderna, per esempio, può conservarsi a 20 gradi sotto zero e il tedesco CureVac dovrebbe essere stabile per ben tre mesi a 5 gradi, la temperatura di un normale frigorifero. 

Rischi reali e teorie del complotto

I vaccini a mRna sono una tecnologia relativamente nuova. Il vaccino Pfizer-BioNTech è in assoluto il primo vaccino a mRna della storia, per qualunque patologia, che ha superato tutti gli studi clinici ed è arrivato al pubblico.

Affrontando la Covid-19, i vaccini a Rna sono potuti partire in anticipo rispetto a quelli basati su altre tecniche perché per produrre l’mRna è sufficiente avere la sequenza genetica del virus, che è stata pubblicata già il 10 gennaio 2020: un vantaggio di mesi su strategie più tradizionali, se non di anni.

Anche se innovativa, non sono una tecnologia sconosciuta: il principio alla base del loro funzionamento risale al 1989 e il primo studio su animali di vaccini a mRna è del 2012. Nel 2017 erano già in corso quattro studi clinici di fase I e II su vaccini a mRna contro malattie virali. L’enorme quantità di risorse scientifiche ed economiche messe in gioco contro la pandemia sono state la spinta finale per la maturazione di questa tecnica che non era garantito funzionasse, ma così è successo. 

Tra i potenziali svantaggi dei vaccini a mRna c’erano possibili effetti tossici nonché reazioni infiammatorie. Alla prova degli studi clinici però i vaccini a mRna si sono rivelati sicuri. Gli effetti collaterali tendono a essere miti, come per gli altri vaccini: febbre, mal di testa e brividi, anche se alcuni studi clinici avevano suggerito un possibile rischio di malattie autoimmuni. In uno studio clinico del 2017 su un vaccino antirabbico a mRna c’è stato un caso di paralisi di Bell.

Di quest’ultima, una condizione non grave che di solito si risolve da sola, ci sono stati quattro casi anche durante i test clinici del vaccino Pfizer, ma per ora non ci sono prove che sia un effetto dovuto al vaccino. In generale, i test clinici sui vaccini a mRna contro la Covid-19 hanno finora mostrato che sono molto sicuri, nonostante i tempi più rapidi di sviluppo e approvazione. 

I vaccini a mRna sono invece bersaglio di una teoria pseudoscientifica tutta per loro, secondo cui sarebbero una forma di «terapia genica» capaci di modificare geneticamente le persone, come hanno dichiarato tra gli altri la deputata Sara Cunial e la direttrice del laboratorio di Microbiologia Clinica dell’Ospedale Sacco di Milano, Maria Rita Gismondo. Altri esempi circolati in Italia che ci sono stati segnalati sono qui e qui; si tratta di una notizia del tutto falsa. 

Come hanno spiegato, per esempio, gli esperti consultati dai nostri colleghi di Reuters e Associated Press, il mRna non è capace di per sé di modificare il genoma. L’informazione genetica del mRna infatti viene usata per codificare le proteine virali che ci immunizzano, ma non va mai a toccare il Dna: lo scopo naturale del mRna è proprio quello di portare informazione genetica pronta per l’uso senza dover “scomodare” il Dna. Il mRna viene poi, come abbiamo visto, degradato rapidamente e la cellula dimentica, quindi, le istruzioni ricevute. 

Benché esista la possibilità teorica che il mRna possa essere accidentalmente copiato in una molecola di Dna e integrato nella cellula, si tratta di un’eventualità descritta dagli scienziati come «estremamente improbabile». Il fatto che il mRna non possa praticamente mai integrarsi nel genoma, né tantomeno modificarlo, è considerato anzi uno dei vantaggi di sicurezza di questa tecnologia. 

In conclusione

I vaccini a mRna sono una tecnologia innovativa ma già in sviluppo da tempo e su cui erano già stati fatti numerosi esperimenti e studi clinici. I motivi che negli anni hanno incentivato lo sviluppo di questa tecnologia sono la maggiore sicurezza, la flessibilità e la facilità di produzione su larga scala di vaccini rispetto a tecnologie più tradizionali. Si tratta quindi di una soluzione adatta alla risposta rapida, massiccia e flessibile, necessaria contro una crisi come l’attuale pandemia da Covid-19. 

Nessun intervento biomedico, come sappiamo, è completamente privo di rischi, ma i vaccini a mRna non sembrano più rischiosi di altri. Le teorie – di cui ultimamente si è sentito spesso parlare – secondo cui i vaccini a mRna ci trasformerebbero in Ogm non hanno alcun fondamento scientifico.

Credits immagine di copertina: stefanoboeriarchitetti.net

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (25)

  • Rossano Masini

    Siete sempre di ina chiarezza disarmante. Bravi

    reply
  • Gianna Dissette

    Questo articolo mi è piaciuto per la sua chiarezza, anche i non addetti ai lavori riescono ad entrare nei meccanismi di creazione e di azione dei nuovi tipi di vaccino con cui contrasteremo il Covid-19.

    reply
  • Gabriele

    Bene fate tanta propaganda a questi vaccini salvo poi ammettere che esiste la possibilità, teorica, che vada a interferire sul DNA ma è estremamente improbabile, dicono gli scienziati stregoni, ma non impossibile e siccome ci vogliono anni per vedere gli effetti di queste interferenze avete ben pensato di far fare da cavie alle masse… tanto tutti i vaccini hanno dei rischi. Giusto ma di questo non ne sappiamo nulla … quindi tra 5 anni lo farò anche io quando avremo i dati sulle reali interferenze col DNA…

    reply
    • Facta

      Buongiorno Gabriele,
      nell’articolo abbiamo spiegato che il DNA NON viene modificato con la somministrazione del vaccino: «Benché esista la possibilità teorica che il mRna possa essere accidentalmente copiato in una molecola di Dna e integrato nella cellula, si tratta di un’eventualità descritta dagli scienziati come «estremamente improbabile». Il fatto che il mRna non possa praticamente mai integrarsi nel genoma, né tantomeno modificarlo, è considerato anzi uno dei vantaggi di sicurezza di questa tecnologia».

      reply
      • Gabriele

        Benissimo…allora se si avvera questa eventualità estremamente improbabile mi potete per favore dire cosa potrebbe succedere?? Non vi sembra giusto informare le masse di questi rischi seppur ( dicono loro ) estremamente bassi? Oppure bisogna inocularsi un vaccino di cui non si sa nulla, perché cosa c’è dentro è segretato per anni, mai provato sull’ uomo di cui moltissimi scienziati e medici ( censurati sui media ) hanno seri dubbi solo sulla fiducia? Lo si sconsiglia alle donne in gravidanza e chi ha appena partorito… perché??

        reply
        • Facta

          Buongiorno Gabriele,
          può trovare molte informazioni anche in QUESTO ARTICOLO.
          Dove ha letto che del vaccino non si sa nulla? Per quanto riguarda le donne in gravidanza non ci sono dati sufficienti per dichiarare che è sicuro o che non è sicuro, questo non lo rende NON sicuro per gli altri, le ricordo che le donne in gravidanza, come è comprensibile, non possono assumere moltissimi medicinali.

          reply
          • Gabriele

            Forse mi sono espresso male… del vaccino non si sa nulla di cosa c’è dentro tanto che anche il prof. Crisanti non proprio un negazionista ha detto che non lo farà fino a che non saranno resi pubblici i dati…aggiungo che non avete risposto alla domanda sui possibili effetti collaterali nel caso fosse accidentalmente copiato il mina in una molecola di DNA…aspetto risposte.

          • Facta

            Buongiorno Gabriele, QUI puoi trovare diverse informazioni.

  • Marcello

    Un malfunzionamento di un processo cellulare in cui l’Rna viene preparato a dare le giuste istruzioni per la sintesi di una proteina può portare allo sviluppo o alla progressione del cancro

    https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/i-nostri-ricercatori/studio-come-nascono-i-difetti-dellrna-implicati-nei-tumori

    Che ne pensate di questo studio?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Marcello, grazie mille!
      L’ho inviato al nostro esperto scientifico, vediamo cosa dice.

      reply
    • johannes

      buongiorno, nell’articolo si parla di eventuali errori nel processamento dell’rna prodotto dal dna cellulare, che porta a sintesi di proteine umane difettate nelle cellule cancerose. niente a che vedere con l’mrna dei vaccini.

      reply
  • giacomo olivero

    Ottima descrizione. Come mai i vaccini ad RNA non vengono somministrati ai giovani?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Giacomo, perché non sono presenti abbastanza dati sulla sperimentazione su soggetti sotto ai 16 anni.

      reply
      • Alba

        Mah veramente, i dati scarseggiano anche per tutte le altre categorie, visto che la sperimentazione finirà nel 2023, e nel frattempo, mentre dite che sono sicurissimi, fanno firmare un consenso dove si dice che “NON SONO NOTI GLI EFFETTI NEL LUNGO TERMINE”…(idem nell’immediato).
        I 4 casi di paralisi di Bell, siccome ci sono stati SOLO nel gruppo vaccini e non in quello placebo, la stessa Pfizer li ha annoverati come eventi avversi del vaccino…ma Voi che ne sapete più di Pfizer, dite di no…

        reply
        • Facta

          Buongiorno Alba, nel foglio che bisogna firmare per la regione Lombardia non c’è alcuna dicitura sugli eventuale effetti a lungo termine.
          Per quanto riguarda la paralisi di Bell ne abbiamo parlato in QUESTO ARTICOLO del 14/12/2020.

          reply
          • Stella

            Nel consenso informato della Toscana invece è chiaramente indicato che non sono noti effetti collaterali a lungo termine come la mettiamo???

          • Facta

            Buongiorno Stella tutti i vaccini seguono lo stesso procedimento:
            FASE 1: Fase 1 il vaccino viene testato su un numero limitato di persone
            FASE 2: Il potenziale vaccino viene somministrato a dosi diverse e se ne studiano gli effetti e su un numero maggiore di persone
            FASE 3: Viene fatta una prova di efficacia del vaccino su larga scala
            FASE 4: Monitoraggio di sicurezza ed effetti secondari del vaccino negli anni e su una popolazione in costante aumento.

            Per quanto riguarda gli studi che sono stati fatti su questa tipologia di vaccini, ne abbiamo parlato un questo articolo.

  • Roberto

    Quali cellule trascriveranno il mRNA iniettato?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Roberto, le cellule limitrofe al sito dell’iniezione (che è intramuscolo) e che poi da lì la spike prodotta finisce nei linfonodi prossimali.

      reply
  • Gamaliele

    La biotecnologia di fatto ha reso i vaccini popolari ma meno sicuri!

    reply
    • Facta

      Buongiorno Gamaliele, perchè lo pensa?

      reply
  • LuKe

    Articolo molto interessante. Uno dei pochi che, seppur brevemente, dà un “cenno storico” a questa nuova tipologia di terapie. Un argomento che andrebbe ulteriormente approfondito maggiormente in quanto, a mio avviso, sembra che il pensiero comune sia orientato a credere stata studiata e applicata solo dopo la comparsa della pandemia.

    reply
  • Federica

    “Tra i potenziali svantaggi dei vaccini a mRna c’erano possibili effetti tossici nonché reazioni infiammatorie” – Potreste per favore fornire maggiori informazioni su questa frase? L’avete menzionata nell’articolo senza però andare nei dettagli.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Federica, «Tra i potenziali svantaggi dei vaccini a mRna c’erano possibili effetti tossici nonché reazioni infiammatorie. Alla prova degli studi clinici però i vaccini a mRna si sono rivelati sicuri. Gli effetti collaterali tendono a essere miti, come per gli altri vaccini: febbre, mal di testa e brividi, anche se alcuni studi clinici avevano suggerito un possibile rischio di malattie autoimmuni. In uno studio clinico del 2017 su un vaccino antirabbico a mRna c’è stato un caso di paralisi di Bell».
      Che semplificato al massimo si potrebbe dire: si pensava che potessero esserci possibili effetti tossici ma gli studi hanno dimostrato che i vaccini sono sicuri e che quello che si pensava potesse succedere NON è successo.

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp