Il presidente ucraino Zelensky non c’entra con la «strage di Odessa» del 2014 - Facta
TOP

Il presidente ucraino Zelensky non c’entra con la «strage di Odessa» del 2014

Il 24 marzo 2022 la redazione di Facta ha ricevuto una segnalazione che chiedeva di verificare le informazioni riportate in un post pubblicato il giorno precedente su Facebook. Il post oggetto della segnalazione contiene una foto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky accompagnata da un testo che recita: «14000 morti fra civili e militari nel Donbas in 7 anni. 2014 strage di Odessa, Gli ucraini diedero fuoco ad un sindacato pieno di anziani, donne con bambini, quelli che si salvarono furono uccisi a colpi di fucile. Il Parlamento Europeo ha nominato Zelensky al “premio Nobel per la Pace”».

Si tratta di un’informazione fuorviante, che veicola una notizia falsa.

Innanzitutto, il Donbass è una regione dell’Ucraina orientale che comprende le repubbliche separatiste filo-russe di Donetsk e Lugansk, autodichiaratesi indipendenti durante la crisi tra Russia e Ucraina del 2014 al termine di un referendum non riconosciuto dall’Ucraina e dalla comunità internazionale. Questi fatti sono stati alla base di un conflitto che, secondo le Nazioni Unite, dal 2014 a oggi avrebbe provocato tra i 13.100 e i 13.300 morti (tra civili, militari e membri di gruppi armati non inquadrati nell’esercito).

La cosiddetta “strage di Odessa” si inserisce invece all’interno dei disordini seguiti a Euromaidan, la serie di manifestazioni pro-europeiste svoltesi in Ucraina a cavallo tra il 2013 e il 2014 e seguite alla decisione dell’allora presidente ucraino Viktor Janukovič di non sottoscrivere il trattato di associazione con l’Unione europea, orientando di fatto il Paese in senso filorusso. Le proteste si protrassero per tre mesi e portarono all’impeachment di Janukovič, evento che scatenò ulteriori manifestazioni, organizzate questa volta dalla frangia fedele all’ex presidente. 

In una di queste ultime proteste, un gruppo di manifestanti filo-russi disarmati si rifugiò all’interno del Palazzo dei Sindacati di Odessa, che fu circondato e dato alle fiamme da esponenti del tifo organizzato e dell’estrema destra locale (tra cui membri di Pravyj Sektor, un’organizzazione paramilitare di ispirazione neonazista). Nel rogo che seguì persero la vita almeno 48 persone.

Sebbene i fatti riportati nel post siano reali, nessuno di questi può essere direttamente attribuito a Volodymyr Zelensky. L’attuale presidente ha infatti iniziato a fare politica attiva solo nel 2018 ed è stato eletto il 21 aprile 2019, dopo una storica vittoria contro il presidente in carica Petro Poroshenko. Tra i capisaldi del programma elettorale di Zelensky c’era l’intenzione di porre fine al conflitto in corso nel Donbass attraverso un’azione diplomatica che coinvolgesse i partner dell’Unione europea.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Facta
Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro
 

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (8)

  • Serafino

    Grazie per aver verificato la veridicità della notizia.

    reply
  • Drago

    La hostra rettifica e’ circostanziata e corretta. Da questo a dire che il presidente ucraino sia degno di essere candidato al Nobel per la pace, pero’, ce ne passa. Le sue attuali dichiarzioni sembrano piu’ irette ad un allargamento del conflitto che non a propositi di pace

    reply
  • Matteo Abis

    Ok posso capire la tua posizione sul dombass,che il presidente ucraino attuale non abbia colpa,ma che mi dici degli americani che volevano e vogliono tutt’ora mettere basi militari in Ucraina per circondare la Russia,Putin se sentito minacciato dalla nato e gli Usa,Putin ha detto chiaro, ucraina indipendente,Putin dice smilitarizzazione,questo non lo condivido perché è giusto che ucraina abbia un proprio esercito ma deve essere neutrale,se gli americani con nato vogliono mettere basi devono dire di no,e questo deve valere anche per la Russia.

    reply
  • Mauro

    Grazie della delucidazione

    reply
  • Amedeo Vanetti

    Lui non ha fatto nulla x cambiare però giusto?

    reply
    • Facta

      Buongiorno, come abbiamo scritto nel nostro articolo: «tra i capisaldi del programma elettorale di Zelensky c’era l’intenzione di porre fine al conflitto in corso nel Donbass attraverso un’azione diplomatica che coinvolgesse i partner dell’Unione europea».

      reply
  • Annalisa

    Se non la smettete con la censura perderete tutti gli iscritti! Siete dei NAZISTI! O MI SBOOCCATE O MI RICOLGO ALLE AUTORITÀ (vendute) competenti….

    reply
    • Facta

      Ci dispiace, ma per tutto ciò che NON riguarda la verifica dei contenuti presenti sulla piattaforma non possiamo direttamente aiutarti perché non rientra nei nostri compiti.

      Ti lasciamo qui sotto alcuni link che potrebbero tornarti utili per risolvere il tuo problema, in alternativa l’invito è di contattare
      ↘️ l’assistenza.

      Per scoprire come riabilitare un account pubblicitario disabilitato,
      ↘️clicca qui

      Per scoprire perché non riesci a pubblicare un commento in una pagina,
      ↘️clicca qui

      Per scoprire perché non riesci a sponsorizzare i tuoi contenuti,
      ↘️clicca qui

      Per segnalare contenuti fraudolenti o truffe,
      ↘️clicca qui

      Per riattivare un account precedentemente disabilitato,
      ↘️ clicca qui

      Speriamo di esserti stati utili!
      La redazione di Facta

      reply

Lascia un commento

× WhatsApp