Questo non è un soldato ucraino che recita a favore di telecamera - Facta
TOP

Questo non è un soldato ucraino che recita a favore di telecamera

Il 18 ottobre 2022 su Twitter è stato pubblicato un video che mostra un uomo con i capelli bianchi, vestito con una tuta mimetica e con equipaggiamento militare, disperarsi in un bosco mentre viene ripreso da un’altra persona con una telecamera in mano. 

Il filmato è accompagnato da questo commento, scritto da chi ha pubblicato il tweet: «Riservista ucraino che recita per la telecamera?». Secondo l’autore del contenuto su Twitter, quindi, il filmato mostrerebbe una messinscena orchestrata da un soldato ucraino.

Si tratta di un contenuto fuorviante, che veicola una notizia falsa.

Il filmato mostra in realtà le riprese di un video musicale di una canzone sulla guerra della cantante ucraina Anna Khanina, con l’attore ucraino Pyotr Sherekin vestito da soldato. 

La clip è stata pubblicata il 18 ottobre 2022 da un account TikTok che ha come foto profilo il volto dell’attore ucraino. Nel profilo sono presenti anche altre brevi clip che mostrano delle riprese con Sherekin in tuta mimetica. Su Youtube lo stesso attore ha pubblicato un video il 14 ottobre 2022 che lo mostra durante le riprese del filmato musicale e in compagnia della cantante Khanina.

Contattato dai colleghi dell’Associated Press, Sherekin ha detto che la clip lo ritraeva mentre impersonava un soldato con una commozione cerebrale. «Il regista ha detto che voleva che mostrassi in questo dolore non solo il dolore della commozione cerebrale, ma anche il dolore della guerra, l’orrore della guerra, per mostrare tutto questo in un urlo», ha spiegato l’attore ucraino. 

L’Associated Press ha contattato anche Zoo Cinema, società di produzione con sede a Kiev che lavora insieme a Sherekin, che ha confermato che la scena in questione era per un video musicale ancora in fase di montaggio. Secondo Zoo Cinema il video vuole mostrare «la nostra visione della guerra in cui viviamo da più di sei mesi».

Clicca qui per iscriverti alla newsletter gratuita di Facta
Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro 
 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp