Il video del dottor Mariano Amici contiene numerose affermazioni false - Facta
TOP
mariano amici video notizia falsa

Il video del dottor Mariano Amici contiene numerose affermazioni false

Il 5 gennaio 2021 la redazione di Facta ha ricevuto via Whatsapp la segnalazione di un video, pubblicato il 31 dicembre 2020 su Facebook e condiviso, al 7 gennaio 2021, oltre 19.000 volte. Il video è uno spezzone di 7 minuti e 26 secondi, tratto dal minuto 7:23 in poi di questo video, pubblicato dall’account Italia Sera su Youtube il 4 novembre 2020.

Il video rappresenta parte dell’intervento del dottor Mariano Amici a una «settimana sociale di Milano» (evento di cui non troviamo riscontro ufficiale ma cui si fa riferimento nel video oggetto di analisi). In passato abbiamo già incontrato il dottor Amici a proposito di questa bufala sui tamponi, e ricordiamo che è stato richiamato dall’Ordine dei Medici il 28 dicembre 2020 per le sue affermazioni infondate sui vaccini. 

Nella prima metà del video vengono riportate per lo più solo informazioni false sulla pandemia. Nella seconda metà, Amici invoca poi una class action, ovvero una causa legale collettiva, per porre fine alle direttive anti-contagio, da lui ritenute illecite. 

Ma quali sono le informazioni errate? Vediamole.

Al minuto 00:30 del video di Facebook, Amici afferma: «se la diagnosi di Covid è basata sul tampone è una falsa diagnosi, perché il tampone è assolutamente inattendibile. Il tampone non è assolutamente diagnostico. Sulla base di un tampone con esito positivo non si può fare diagnosi di Covid.». Questa affermazione è falsa: abbiamo analizzato in dettaglio l’affidabilità dei tamponi molecolari per il Sars-CoV-2, e sebbene sia possibile una piccolissima percentuale di falsi positivi in generale il tampone molecolare è estremamente affidabile per l’infezione. Infezione da Sars-CoV-2 non significa necessariamente malattia conclamata, ma ricordiamo che gli asintomatici trasmettono il virus e quindi vanno trattati, ai fini pratici, come tali. 

Al minuto 1:10 Amici sostiene che «il tampone non va a mirare il Sars-CoV-2, virus che di fatto ancora non è stato isolato. E che se non è stato isolato, come fanno a fare un’interfaccia, cioè il tampone che ha dei reagenti che interagiscono con quel virus? […] Come potete trovare col prelievo sierologico degli anticorpi contro il virus, se il virus non è stato isolato?» Anche questa affermazione è falsa. Il virus Sars-CoV-2 non solo è stato ripetutamente isolato (solo alcuni esempi: qui l’articolo scientifico che descrive il primo isolamento del virus, in Cina a inizio gennaio 2020, qui il primo isolamento del virus in Usa, in cui viene spiegato dettagliatamente il protocollo di isolamento, e qui l’articolo che descrive l’isolamento del virus in Italia), ma al momento viene regolarmente coltivato in colture cellulari a fini di ricerca medico-scientifica. Ricordiamo a proposito che nessun documento ufficiale ha mai ammesso che il virus non sarebbe stato isolato: è una bufala, come abbiamo discusso in precedenza.

Successivamente, al minuto 01:49, Amici sostiene che «non è stato neanche stabilito il nesso di causalità tra il virus e la malattia». Di nuovo, affermazione falsa. Benché non sempre applicabili, i criteri tradizionali per indicare la correlazione tra virus e malattia sono i postulati di Koch. In breve il virus deve poter essere isolato dai pazienti, deve poter essere coltivato e deve essere dimostrato che il virus isolato possa a sua volta indurre la malattia (in un modello animale, per esempio) e venire a sua volta re-isolato. Tali criteri per il legame tra il virus Sars-CoV-2 e la malattia Covid-19 sono stati soddisfatti definitivamente a maggio 2020, in uno studio pubblicato su Nature.

Al minuto 2:11 Amici afferma che coloro che risultano positivi al tampone vengono spesso dipinti come «untori». A tale proposito ricordiamo che i portatori asintomatici del virus contribuiscono al contagio.

Infine, al minuto 03:04 si sostiene che «il tampone non è validato». Si tratta di un’informazione falsa dal momento che tutti i tamponi molecolari vengono validati prima di essere messi in commercio – come abbiamo descritto qui – per essere certi che riconoscano solo il virus Sars-CoV-2 e non altri. 

In conclusione, il video di Mariano Amici contiene una serie di informazioni scientificamente infondate e false, tese a negare l’esistenza della pandemia di Covid-19 e il senso delle misure prese per contrastarla. Pandemia che, è necessario ribadire, è stata una delle più importanti cause di morte del 2020. 

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (39)

  • Rosaria Giungi

    Grazie per l avviso scusate

    reply
    • Facta

      Buonasera Rosaria, di nulla! Può capitare a tutti di sbagliare 😉

      reply
  • Elisabetta Cattaneo

    Non ho postato questa notizia !
    Vi siete sbagliati .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Elisabetta, Facebook invia una notifica anche a chi ha interagito con il post in questione: con un commento o un like.

      reply
  • Cinzia alvini

    CHIEDO SCUSA NON LO SAPEVO NON ACCADRÀ PIU

    reply
    • Facta

      Buongiorno Cinzia, non ti preoccupare! Può succedere a tutti di sbagliare 😉

      reply
  • Tamara

    Grazie per l’informazione.. Sono stata anche io una di quelle che ci ha creduto a questo post di questo dottore.. Sarò più atenta.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Tamara, siamo a tua disposizione, può succedere a tutti di incappare in una notizia falsa non ti preoccupare!

      reply
  • Guglielmi Tonono

    Chiedo scusa…se è così mi sbagliavo

    reply
    • Facta

      Buongiorno Guglielmi, non si preoccupi, può succedere a tutti 😉

      reply
  • Guglielmi Tonino

    Chiedo scusa..se è così mi sbagliavo

    reply
    • Facta

      Non ti preoccupare Tonino, può capitare a tutti un errore 😉

      reply
  • Valentina

    Grazie x avermi ILLUMINATA!!!

    reply
    • Facta

      Addirittura!

      reply
  • Valentina

    Grazie x avermi illuminata!!

    reply
  • Annalisa Fameli

    Scusate non volevo diffondere notizie false .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Annalisa, non ti preoccupare, può succedere a tutti!

      reply
  • SIMONA Bagatin

    E come spiegate che con il tampone se si fa diagnosi a un kiwi da positivo????

    reply
  • Călin MELITA

    Chiedo scuza!!! GRAZIE per avisso!!!

    reply
    • Facta

      Di nulla! Non ti preoccupare può succedere a tutti 😉

      reply
  • Monica Duda

    Grazie x l’avviso

    reply
  • Franco Bonafini

    Purtroppo in tutte le dichiarazioni che vengono fatte anche noi lettori non possiamo dire se questo o quello è vero o falso

    reply
    • Facta

      Buongiorno Franco, se si allegano prove di quanto si dichiara sì.

      reply
  • Antonella

    Scusatemi non sapevo

    reply
    • Facta

      Buongiorno Antonella, non ti preoccupare, può succedere a tutti!

      reply
  • Franco

    Forse sarebbe il caso di fare un confronto con il Dottor Amici. Un dibattito aperto farebbe chiarezza. Non capisco quale interesse abbia il Dottor Amici nel fare tali affermazioni . Non aggiungo altro.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Franco, non possiamo sapere quali siano le motivazione per diffondere un video con diverse informazioni errate.
      Nel nostro articolo abbiamo inserito diversi link (sottolineati in giallo) a documenti o ricerche a sostegno di quanto riportato. Per quanto riguarda il confronto siamo sempre a disposizione.

      reply
  • Ena Quaranta

    Seguo il Dott. Amici da molto tempo, probabilmente ancor prima di voi, non comprendo la motivaziome per la quale volete metterlo in cattiva luce e infangarlo.
    Siate coerenti ed imparziali.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Ena, nel nostro articolo sono presenti tutte le fonti (sottolineate in giallo e cliccabili) a supporto della nostra tesi.

      reply
  • MARCO

    Ottimo! ma come spiegate che molti medici in italia sostengono di curare i loro pazienti a casa anche con pluri patologie e non hanno avuto morti?! il dott. Amici è uno di loro… Come si può dire che dice il falso se non ha avuto morti lui e molti altri dottori tra i loro pazienti?

    reply
    • Facta

      Buongiorno Marco, quali medici? Quanti medici? Hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali e riconosciute come tali? Se sì, dove è possibile consultarle?

      reply
  • Tina

    Il dott. Amici non può essere così ignorante in proposito né penso possa essere demente. Quindi è in perfetta malafede. Mi spiace per quelli che pendono dalle sue labbra e consiglio loro di affidarsi alle indicazioni degli specialisti e degli scienziati, non ad un semplice medico di base che fa affermazioni senza base scientifica.
    Se il dottore fa affermazioni davvero fondate, perché non le pubblica sulle riviste scientifiche tipo Nature, Lancet, New England Journal of Medicine etc.?

    reply
  • Mike

    Fa piacere vedere scritto che il covid è stato UNA delle cause delle morti..

    reply
    • Facta

      Buonasera Mike, sì, si continua a morire di tante altre patologie, la Covid-19 si posiziona purtroppo tra le prime.

      reply
  • Rick

    …”è necessario ribadire, è stata una delle più importanti cause di morte del 2020″.
    Qui probabilmente ci sarebbe da aprire una parentesi, perché un conto è la medicina come scienza, ma si potrebbe aggiungere che, un altro conto è la statistica. Oltretutto aggiungiamo che questi dati così “globali” riguarderebbero in particolar modo gli over 80 con patologie pregresse (fonte ISS) non l’intera popolazione.
    Per questo inviterei a seguire l’intervento che fece nella puntata di Porta a Porta, Gian Carlo Blangiardo presidente Istat, proprio sulle attribuzioni di causa morte covid, perché il quadro non è così chiaro come sembra, ma, considerando tutti i dati a disposizione, molto più complesso.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Rick, ahimè il quadro è abbastanza chiaro, sono morte 100.000 persone in più (dato Istat) rispetto agli anni precedenti.

      reply
      • Novax2021

        Blangiardino registra i dati che gli notificano.! Gli ospedali diagnosticano “MORTO PER COVID” anche i pazienti morti “CON COVID” in altri termini moltissimi entrati il ospedale x incidenti x caduta per le scale x caduta dalla moto x malattie respiratorie pregresse o x qualsiasi altra patologia! Se al pronto soccorso risultasse positivo al COVID! e dovesse morire per una delle altre patologie vengono inesorabilmente etichettati morti per COVID. Pertanto le 100.000 persone vanno tagliate del 80%

        reply
        • Facta

          Buongiorno Novax2021, non è determinante di cosa siano decedute, nel 2020 ci sono state 100.000 morti in più rispetto agli anni precedenti e la differenza è stata data dall’arrivo del virus.
          Non è quindi una questione di come vengono registrati i decessi e sono 100.000 in più, non 100.000 totali.

          reply

Lascia un commento

× WhatsApp