TOP

La notizia del treno diretto a Palermo e «assaltato» da migranti è del 2017

Aiutaci a migliorare Facta!
Partecipa al nostro breve sondaggio (servono 5 minuti), del tutto anonimo.
Potremo conoscere meglio il nostro pubblico, migliorare quello che facciamo e come lo facciamo.
CLICCA QUI PER INIZIARE

Il 28 giugno su Facebook è stata pubblicata un’immagine che mostra l’anteprima di un articolo pubblicato sul sito Notizie Universali. Nel titolo si legge: «Tunisini appena sbarcati si impossessano di un treno e lo devastano: “Dovete portarci a Palermo”». Ad accompagnare il testo una foto che mostra delle persone sedute sui finestrini aperti di un vagone di un treno. Questo il commento al post: «UNA QUARANTINA DI MIGRANTI HA ASSALTATO UN TRENO ALLA STAZIONE CENTRALE DI #AGRIGENTO: SPROVVISTI DI TICKET, VOLEVANO RAGGIUNGERE #PALERMO. Ecco le risorse della #Boldrini.».

Questa notizia è di tre anni fa ma è stata ripubblicata senza un chiaro riferimento temporale che permetta al lettore di capire quando il fatto si è realmente verificato. Andiamo con ordine.

Immagine pubblicata il 28 giugno 2020 – Notizia vecchia

L’articolo del sito Notizie Universali è stato pubblicato lo scorso 9 giugno, ma ora non è più disponibile online, come si può verificare qui.

La notizia di una quarantina di migranti fatti scendere da un treno con destinazione Palermo perché privi di biglietto risale al 30 settembre 2017, come si può leggere qui, qui, qui e qui. Nella concitazione del momento, la stampa locale riporta che sarebbe stato rotto un finestrino del treno. Non risulta quindi che il treno sarebbe stato devastato, come si legge nel titolo oggetto della nostra analisi. Una scena simile sempre alla stazione di Agrigento si è verificata pochi giorni dopo, il 6 ottobre 2017.

Passiamo alla foto. L’immagine è reale ma non mostra una scena verificatesi in Italia. La foto infatti è stata scattata in Slovenia nel 2015 e ritrae la polizia mentre ferma un treno che trasportava immigrati vicino al confine con la Croazia, come si può verificare qui.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp