La citazione sulle riflessioni vietate per «non offendere gli imbecilli» non è di Dostoevskij - Facta
TOP

La citazione sulle riflessioni vietate per «non offendere gli imbecilli» non è di Dostoevskij

Il 26 settembre 2021 su Facebook è stato pubblicato un post contenente il ritratto dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij realizzato dall’artista Vasilij Perov e una frase a lui attribuita che recita: «La tolleranza arriverà ad un tale livello che alle persone intelligenti sarà vietato fare qualsiasi riflessione per non offendere gli imbecilli».

Non esiste alcuna prova che la frase sia stata pronunciata o scritta da Dostoevskij.

La presunta citazione attribuita a Dostoevskij ha iniziato a circolare negli ambienti anti-vaccinisti in lingua inglese a partire dal mese di luglio 2021, ma secondo i colleghi di Lead Stories era in precedenza stata presentata sui social network in russo come proveniente dall’opera “Cuore di cane” di Mikhail Bulgakov o dall’omonimo film del 1988. La prima apparizione in assoluto della frase associata al volto di Dostoevskij risale comunque al 2019, quando un utente su Reddit ne chiedeva (e otteneva) una traduzione dal russo all’inglese.

Per verificare la possibile apparizione della frase nelle opere di Dostoevskij e Bulgakov, i colleghi di Lead Stories hanno contattato Wasyl Sydorenko, bibliotecario esperto in ricerche bibliografiche del Centro risorse per l’Europa centrale e orientale “Petro Jacyk” di Toronto. Dopo aver consultato le opere e aver esaminato la sceneggiatura del film “Cuore di Cane”, Sydorenko ha stabilito che – benché la frase sia entrata nel linguaggio comune russo – questa non possa essere attribuita a Dostoevskij né a Bulgakov.

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (24)

  • fausto varetto

    ma come si fa a sapere se le citazioni sono vere o no???? se ognuno di noi dovesse verificare prima di condividere qualunque cosa la bacheca di fb sarebbe vuota…….

    reply
    • Facta

      Buongiorno Fausto, se hai un dubbio puoi mandarci la notizia che vuoi venga verificata mandando una messaggio su whatsApp CLICCANDO QUI.

      reply
    • Giuseppe Fusco

      Spesso bastano 5 minuti per verificare di chi è o di chi non è una frase. Nel caso in cui non si abbia voglia o tempo di farlo oppure, nonostante gli sforzi, non si riesce ad arrivare con certezza all’autore originale basterebbe scrivere la frase che si vuole riportare e poi scrivere semplicemente (cit.), per indicare che comunque è la citazione di qualcuno e non è una propria idea

      reply
  • Mariella Kron

    La frase è valida anche se è sbagliata l’attribuzione

    reply
    • Facta

      Quindi si tratta di una citazione sbagliata

      reply
    • Ray

      Concordo

      reply
      • Facta

        Buongiorno Ray la frase è stata diffusa come citazione di Dostoevsky, visto che si tratta di una notizia NON verificabile è stata catalogata come “senza prove” e non falsa.
        Qualcuno l’ho pronunciata o scritta ma non è possibile sostenere che si sia trattato delle scrittore russo.

        reply
  • Alessandro Sidoti

    La foto che ho pubblicato io
    Non porta quel nome non è attribuita a nessun scrittore…
    Ma fatela finita
    Che forse ci fate più una bella figura
    Invece di rompere le palle alla gente con le vostre stronzate

    reply
    • Facta

      Buongiorno Alessandro, sullo sfondo dell’immagine che è stata condivisa sui social compare un ritratto di Fyodor Dostoevsky eseguito nel 1872 da Vasily Perov.

      reply
  • Gherardo Ferro

    È una citazione presa su facebook molto prima di averla postata. Voi l’ avevate molto tempo prima di me

    reply
    • Facta

      Buongiorno Gherardo, noi ci occupiamo di verificare le notizie che circolano in rete.
      Facebook la avvisa che ha condiviso o interagito con un contenuto non corretto.

      reply
  • Lorenzo RIZZO

    + si interagisce meglio è
    Grazieee

    reply
  • Rita

    Mi è arrivata e l’ho letta,direi a questo punto che siete voi che dovete te controllare cosa gira su Facebook

    reply
    • Facta

      Buongiorno Rita, puoi trovare tutte le informazioni nella sezione chi siamo del nostro sito

      reply
  • Amedeo DeMaio

    Ok, la citazione la faccio mia. Chiunque può condividerla citando il mio nome, non sarà mai smentito. Ad ogni modo anche in questo caso la citazione calza a pennello.

    reply
    • Facta

      Buongiorno no, non ci si può appropriare di una citazione 😉 e a meno che lei non sia vissuto prima del 1925, anno di pubblicazione del libro “Cuore di cane” di Mikhail Bulgakov dove compare la frase, non può averla pronunciata lei.

      reply
      • Massimo Vavolo

        Proprio voi riportate che benché la frase sia entrata “nel linguaggio comune russo – questa non possa essere attribuita a Dostoevskij né a Bulgakov”, ma in questa risposta ne attribuite la paternità a Bulgakov.

        reply
        • Facta

          Buongiorno Massimo, no, come abbiamo riportato nel nostro articolo la frase «in precedenza stata presentata sui social network in russo come proveniente dall’opera “Cuore di cane” di Mikhail Bulgakov o dall’omonimo film del 1988» quindi sono sempre stati degli utenti ad attribuirla a Bulgakov.

          reply
  • Roberto marone

    Caro facta ti sei creato un lavoro ,bravo.io l’ho presa da Google,e posso pensare che Dostoevskij possa averla citata come omaggio ad un grande scrittore ,e grazie a lui si è diffusa ,cosa difficile altrimenti.ringrazio Dostoevskij per averla citata .se lo incontro nell’aldilà , riferirò .

    reply
    • Facta

      Buongiorno Roberto, Dostoevskij è vissuto tra il 1821 e il 1881 mentre Bulgakov tra il 1891 e il 1940.
      Quindi il primo non ha potuto citare il secondo.
      Come abbiamo spiegato nel nostro articolo: «benché la frase sia entrata nel linguaggio comune russo – questa non possa essere attribuita a Dostoevskij né a Bulgakov».

      reply
  • Corrado PIERRI

    Che si sia chiarito che la citazione non sia di Dostoevskij, mi pare cosa assolutamente giusta, sebbene essa conservi tutta la sua valenza e forza.

    reply
  • Simona

    Nella mia foto è semplicemente riportata tra virgolette una frase che è attribuita a qualcuno di non specificato.

    reply
    • Facta

      Buongiorno Simona, il quadro presente sullo sfondo della citazione è un ritratto di Dostoevskij ad opera di Vasilij Perov

      reply
  • Anne Barcat Bouchery

    Gracias por avisar de que no es una frase de Dostoiewski. Yo la compartí en Facebook mostrando en mi comentario que no estaba de acuerdo con esta afirmación. Escribi en español como se puede leer el 28 de septiembre 2021: “Realmente cuando la tolerancia deja de ser mutua ya no existe como tal.” Soy admiradora de Dostoiewski y he leído sus obras completas, incluyendo Diario de un escritor, pero aunque no me parecía posible que fuera suya la citación, no podía probarlo. Solamente podía mostrar mi desacuerdo. Mucha gente lleva camisetas con esta frase y la firma del escritor ruso impresas.

    Merci de m’avertir du fait que ce n’est pas une frase de Dostoiewski. Je l’ai partagée dans Facebook en montrant dans mon commentaire que j’étais en désaccord avec cette affirmation. J’ai écrit en espagnol comme on peut le lire dans mon commentaire du 28 septembre 2021: “Réellement quand la tolérance cesse d’être mutuelle elle n’existe plus comme telle.” J’admire Dostoiewski et j’ai lu ses oeuvres complètes, mais s’il ne me semblait pas que la citation soit de lui, je ne pouvais le prouver. Je ne pouvais que manifester mon désaccord. Beaucoup de gens portent des tee-shits avec cette phrase et la signature de l’écrivain russe imprimées.

    reply

Lascia un commento

× WhatsApp