L’incendio di queste auto non è collegabile ai «rifugiati ucraini» o alla guerra - Facta
TOP

L’incendio di queste auto non è collegabile ai «rifugiati ucraini» o alla guerra

Il 25 aprile 2022 è stato pubblicato su Facebook un video che mostra una serie di auto bruciate lungo una strada. Le immagini sono accompagnate da un commento, scritto da chi ha pubblicato il post su Facebook, in cui si afferma che le automobili sarebbero state bruciate da «rifugiati ucraini» ad Hannover, in Germania, perché i loro proprietari avrebbero partecipato a una manifestazione in sostegno «dei russi e russofoni». 

Il riferimento è ai cortei di auto a sostegno della Russia organizzati ad aprile in varie città della Germania. Secondo le stime fornite dalle autorità locali, il 10 aprile 2022 ad Hannover a questo tipo di manifestazione hanno partecipato circa 600 persone con 400 veicoli.

Il contenuto oggetto di analisi veicola una serie di notizie infondate. Andiamo con ordine.

Il filmato mostra una scena verificatasi ad Hannover, dopo un incendio doloso appiccato nella notte del 15 aprile 2022 da sconosciuti. In quell’occasione diverse auto in sosta nel quartiere di Kleefeld in Fichtestraße erano state bruciate, come ricostruito in un comunicato stampa dello stesso giorno del Dipartimento di polizia di Hannover. 

In un secondo comunicato stampa del 26 aprile 2022, la polizia di Hannover ha dichiarato di star ancora indagando sull’incendio doloso contro ignoti, ma che, contrariamente alle accuse diffuse sui social, non era stata trovata alcuna prova che dietro al crimine ci fosse una motivazione politica legata alla guerra in Ucraina. 

Secondo i primi riscontri dell’indagine, la polizia di Hannover ritiene invece probabile «un collegamento con una partita di hockey su ghiaccio giocata il 14 aprile 2022» tra Hannover e Memmingen e il possibile coinvolgimento dei rispettivi tifosi.

In conclusione, non esistono prove che dimostrano che a incendiare le auto siano stati «rifugiati ucraini» e non ci sono collegamenti con quanto accaduto e la guerra in Ucraina. 

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Facta
Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro 
 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp