La lettera dell’ematologo Bellavite a Mattarella contiene informazioni false e fuorvianti - Facta
TOP

La lettera dell’ematologo Bellavite a Mattarella contiene informazioni false e fuorvianti

Il 27 ottobre 2021 su Facebook è stato pubblicato un post contenente un articolo di centro-lavoro.blogpost.com dal titolo “Ematologo a Mattarella: ‘Il dovere di ognuno è opporsi ai ricatti e agli obblighi incostituzionali’”. L’articolo riporta al suo interno una lettera indirizzata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e redatta dall’ematologo Paolo Bellavite (ex professore all’Università di Verona, ora in pensione), condivisa – nel post oggetto di verifica – dalla pagina Facebook Sapere è potere il 26 ottobre. La pagina è collegata al sito web ilsapereepotere2.blogspot.com, che pubblica contenuti talvolta complottisti e del quale ha già parlato sia Facta (qui) che i colleghi di Le bufale della rete (qui).

Nella lettera Bellavite sostiene che «l’inoculo non impedisce i contagi e può favorire le varianti peggiori» e che i vaccini contro la Covid-19 sono «prodotti sperimentali che hanno già causato migliaia di morti (cento volte più di tutti gli altri vaccini messi insieme). 

Le informazioni riportate sono false e potenzialmente dannose per la salute pubblica. Andiamo con ordine.

Come abbiamo più volte spiegato su Facta (qui, qui), la Sars-Cov-2 come tutti i virus ha la capacità di mutare. Queste mutazioni non sono però una risposta ai vaccini; tutte le varianti di cui è a conoscenza l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sono state identificate per la prima volta in un periodo precedente a dicembre 2020, quando ancora la campagna vaccinale non era iniziata nella maggior parte dei Paesi al mondo. Se è vero che il vaccino non elimina la possibilità di contagiarsi, uno studio condotto negli Stati Uniti a marzo 2021 ha dimostrato una riduzione dell’80 per cento dell’infezione asintomatica da Covid-19. 

Ricordiamo poi, come già spiegato sia su Facta e anche su Pagella Politica, che i vaccini non sono prodotti sperimentali. A certificarlo è stato il 7 agosto 2021 anche l’Istituto superiore di sanità (Iss) in un vademecum pubblicato sul proprio sito. 

Infine, come spiegato più volte su Facta (qui, qui) e dai colleghi fact-checker di Politifact (qui), è falso sostenere che i vaccini abbiano causato migliaia di morti. Stando all’ultimo rapporto Aifa di sorveglianza sui vaccini contro la Covid pubblicato lo scorso 12 ottobre, il numero di decessi correlabili a una/due dosi di vaccino in Italia sono complessivamente 16 (circa 0,2 casi ogni milione di dosi somministrate) dall’inizio della campagna vaccinale.

Ti è piaciuto l'articolo?

Comments (12)

  • augusto

    è vero anche l’esatto contrario delle vostre affermazioni…
    – se non ricordo male le prime mutazioni sono state rilevate dopo le prime vaccinazioni… in India e nel Regno Unito.
    _ la efficacia dei vaccini è stata reclamizzata inizialmente con eccessiva enfasi, vista la oramai nota breve copertura e che siano sperimentali lo si deduce dal fatto che solo successivamente, visti i contagi, hanno dirottato la efficacia verso la riduzione dei decessi.
    Purtroppo, se continuate a leggere, neanche questa nuova affermazione corrisponde al vero..
    Gli asintomatici, i guariti ci sono sempre stati e non certo grazie al vaccino altrimenti non ci sarebbero stati al 31/12/2020 “solo” 75.000 decessi su 2.100.000 contagi, cioè circa il 97% comunque guariva.
    I decessi anno su anno, dal 01/05 al 30/09 la raccontano diversamente , 7.682 nel 2020 contro 9.940 nel 2021 … come lo spieghiamo!!
    -certo i decessi “strani” sono tutti non correlabili, però guarda caso verso i vaccini covid nei 10 mesi di inoculazione e nella sola europa si sono contate oltre un milione di reazioni avverse… tra queste sono comprese reazioni gravi e decessi. Ci potete illustrare quale altro farmaco o vaccino di largo uso abbia prodotto simili numeri in meno di un anno??
    i dati citati sono presi da report ISS e dalla banca dati europea per le reazioni avverse ai farmaci!

    reply
      • augusto

        le fonti le ho indicate…. però non avete dato opinioni sulla loro attendibilità !!

        reply
  • Montag

    Non dimostrate mai nulla, vi certificate tra di voi. Fate ridere come opinionisti.

    reply
  • Alessandro Bartoletti

    Questo, come altri siti simili, avrebbero il compito di verificare le notizie per eliminare le fake news, la mia impressione è che invece si finisca per censurare opinioni scientifiche suffragate da dati e ricerche delle più prestigiose riviste scientifiche. Un nobile compito, l’eliminazione di notizie false, si trasforma in censura di e accusa di essere no vax di scienziati con h index elevatissimi, perché si parte da una posizione pregiudiziale di tutto quello che è critica anche costruttiva nei confronti dei vaccini.

    reply
  • Mario

    Domanda. Quali sono i dati di farmacovigilanza sui vaccini per i mesi di novembre e dicembre?

    reply
  • Francesco

    Fate affermazioni generiche, non suffragate da fonti. “Uno studio americano dice che il vaccino riduce la trasmissibilta’ del virus dell’80%” quale studio? Il dottor Donzelli ha presentato in Senato uno studio danese che dice l’esatto contrario, dopo pochi mesi con omicron la protezione e’ NEGA TIVA, fino al 75%. Lo di puo’ reperire ovunque in rete

    reply

Lascia un commento

× WhatsApp