TOP

La storia delle «siringhe infette da HIV nelle pistole del carburante» è falsa e la foto non è stata scattata in Italia

Aiutaci a migliorare Facta!
Partecipa al nostro breve sondaggio (servono 5 minuti), del tutto anonimo.
Potremo conoscere meglio il nostro pubblico, migliorare quello che facciamo e come lo facciamo.
CLICCA QUI PER INIZIARE

Il 21 giugno su Facebook è stata pubblicata la foto di una pistola di erogazione di carburante che, in prossimità dell’area che va premuta per far sì che il carburante esca dalla pompa, ha incastrato l’ago di un siringa. La foto è stata pubblicata insieme a questo testo di avvertimento: «Attenzione, queste è la nuova bastardata che stanno facendo in giro nelle stazioni di servizio. Mettono delle siringhe infette da HIV nella pistola del carburante. Fatte attenzione e fatte girare».

Si tratta di un contenuto fuorviante che veicola una notizia falsa. Andiamo con ordine.

Immagine pubblicata il 21 giugno 2020 – Fuori contesto

Partiamo dall’immagine. La foto non è stata scattata in Italia ma negli Stati Uniti nel 2017 (come si può verificare qui) e fa riferimento ad un preciso fatto di cronaca. Come raccontato il 25 maggio 2017 da Jose Medina a FOX 11, mentre l’uomo stava facendo benzina in una stazione di servizio a Moreno Valley, in California, ha sentito un pizzicore alla mano e si è accorto dell’ago sulla pistola di erogazione. Nel racconto dell’uomo, l’Hiv non viene però mai menzionata.

Il sito di fact-checking Snopes ha ricostruito che in rete notizie false ed allarmistiche sulla possibilità di trovare aghi infetti nelle pistole di carburante circolano a partire da giugno 2000. È poi utile ricordare che il virus dell’Hiv, fuori dal corpo umano, esposto alle normali condizioni ambientali, perde la propria capacità di infettare.

Ti è piaciuto l'articolo?

Lascia un commento

× WhatsApp